Assegno al nucleo famigliare: a quante famiglie è stato negato con i nuovi criteri?

La competenza per l’assegno regionale al nucleo famigliare che fino al 31/12/2017 veniva calcolato ed erogato attingendo agli appositi fondi regionali, dal 1/01 è passata alla Provincia a seguito dell’istituzione dell’assegno unico, strumento di razionalizzazione dei vari benefit esistenti, per rispondere ai bisogni espressi dalle persone e delle famiglie residenti sul nostro territorio.

Ciò che però cambia per l’assegno al nucleo famigliare è la modalità con cui viene riconosciuto; se prima veniva calcolato sulla base di una semplice tabella reddituale del nucleo famigliare ora a determinarne il diritto è l’indicatore ICEF che prende in considerazione i redditi, il patrimonio mobiliare ed immobiliare, alcuni oneri detraibili e deducibili, nonché altre indennità e rendite relative ad ogni singolo membro della famiglia, compresi i minori e i conviventi senza legami di parentela.

Succede che ora con i nuovi criteri di calcolo e le modalità di attuazione dell’assegno unico, a famiglie che nonostante non abbiano mutato il proprio reddito rispetto al passato e che magari hanno la proprietà di un appartamento non è più riconosciuto l’assegno regionale al nucleo famigliare che prima invece era loro garantito.

Ciò premesso, chiedo a quante famiglie nel 2017 era stato riconosciuto l’assegno regionale al nucleo famigliare e a quante di queste oggi è stato negato applicando i nuovi criteri di calcolo, e le relative modalità di attuazione, anche in previsione di eventuali correttivi.

Cons. Claudio Cia

L’articolo sul quotidiano “Trentino” del 16 gennaio 2018:

Esito dell'iniziativa

 

Interrogazione a risposta immediata in aula, presentata il 10 gennaio.L’iter sul sito del Consiglio provinciale: interrogazione n. 5500/XV

 

 

Risposta ricevuta nella seduta del 16 gennaio 2018: risposta interrogazione 5500 – assegno unico

 

 

 

1 Commento

  1. Sarebbe interessante fare una visita filmata nei vari condomini ITEA e verificare chi sono i proprietari di CAMPER e MACCHINE DI GROSSA CILINDRATA, SUV e confrontare questi asset posseduti col reddito effettivo del nucleo familiare residente (e non solo del richiedente casa ITEA). Ci sono sicuramente diversi abusi e questo toglie disponibilità a coloro che ne avrebbero bisogno.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa cookie tecnici e di terze parti per la raccolta in forma aggregata di dati anonimi che permettono di migliorare la fruibilità dei contenuti. Cliccando su "accetta", acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni e su come eventualmente disabilitare i cookie consultare l'informativa: cookie e privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi