Centrodestra unito in Trentino: progetto politico aperto al confronto, ma senza ambiguità

Oggi conferenza stampa dei consiglieri provinciali Fugatti, Bezzi e Cia sui risultati delle recenti elezioni amministrative nel resto d’Italia e sui futuri scenari a livello locale. Per Fugatti bisogna lavorare sul modello già seguito in Liguria, Lombardia, Veneto o Genova, che a livello locale vedrebbe partiti nazionali come Lega Nord e Forza Italia con movimenti territoriali come Agire. «Un modello che anche in Trentino si dovrà seguire se si vuole costruire un’alternativa al centrosinistra. Alla luce dei risultati di ieri, credo si possa riconoscere che questa è l’unica via. Non c’è da parte nostra la volontà di dominare questa eventuale alleanza, ma di essere forze che riescono ad aggregarne altre per creare un’alternativa valida».

Per Giacomo Bezzi questa è l’unica proposta che riesce a coniugare i partiti nazionali con le civiche territoriali. «Siamo partiti due anni fa e stiamo creando le condizioni affinché si capisca che altri percorsi in Trentino sarebbero funzionali al centrosinistra, raccogliendo voti nell’area moderata per poi confluirli a sinistra. Noi non arriveremo all’ultimo senza chiarezza, il percorso è già chiaro

Per Bezzi inoltre l’Autonomia va difesa in modo completamente diverso, e smettendo di andare “al traino” di Bolzano su ogni cosa, anche perché i dati economici sono abissalmente diversi. «L’obiettivo è un costruire un progetto liberale, aperto, di centrodestra, e in dialogo con il mondo cattolico. Le proposte di Ugo Rossi o Lorenzo Dellai sono ormai proposte vetuste che non sanno più interpretare il cambiamento della società trentina

Per Claudio Cia i risultati delle amministrative in molti comuni italiani hanno dimostrato che chi si illude di costruire un progetto politico lasciando fuori i partiti nazionali deve prendere atto che è una “pia illusione”.

«Nel 2013 si era già tentato di schierare una batteria di realtà civiche, che nonostante la debolezza di quel periodo di Lega e Forza Italia, non avevano ottenuto risultati notevoli. Ancora oggi c’è chi sogna di replicare quell’esperienza, anche se abbiamo visto che quanti si sono dichiarati alternativi all’attuale governo provinciale in realtà stavano dialogando non poco proprio con il centrosinistra».

Per Cia questo è un progetto aperto al confronto, ma senza ambiguità. «I cittadini ci chiedono di lavorare insieme con costanza, in modo leale, e riconoscibile fin da subito e non solo prima delle elezioni».

Esito dell'iniziativa

 

Conferenza stampa del 13 giugno 2017.

 

 

 

L’articolo su “Agenzia giornalistica Opinione”: Fugatti-Bezzi-Cia: progetto politico aperto al confronto ma senza ambiguità

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Costruire un progetto liberale, aperto, di centrodestra e in dialogo con il mondo cattolico

 

 

L’articolo su “Secolo Trentino”: Fugatti, Bezzi e Cia commentano i risultati delle recenti elezioni amministrative

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*