Indagine sulla sanità trentina: lo stupore del sindacato dirigenti lascia stupiti.

Lasciano perplessi le parole di Romano Nardelli, responsabile del sindacato dirigenti medici, che in seguito alle prese di posizione sull’incresciosa vicenda che riguarda la sanità trentina, commenta così: «Queste sono le fughe in avanti da parte della classe politica, ma bisognerà attendere di avere qualche particolare in più, prima di attaccare il nostro sistema sanitario».

Personalmente mi ero soffermato su tre punti. Ho specificato che “si dovrà certamente attendere il lavoro degli inquirenti”, ma di fronte alla gravità delle accuse, ho espresso disgusto per questo episodio. Come non indignarsi di fronte a ipotesi di reato come associazione a delinquere finalizzata alla turbativa d’asta, corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio e rivelazione di segreti?

Successivamente ho espresso una considerazione sul governo provinciale, ormai rappresentato da decenni dalla stessa fazione politica: una situazione che ovunque si presenti rischia di impedire quell’alternanza tanto necessaria nelle istituzioni pubbliche per garantire un positivo ricambio e vigilanza nei vari uffici. Infine ho contestato come di fronte a ogni denuncia o richiesta di chiarimenti in Consiglio provinciale, si ricevano risposte incomplete, rassicuranti ed evasive, mirate a ovattare e silenziare ogni voce critica.

Mi è quindi incomprensibile come si possa parlare di “fughe in avanti” di fronte semplici constatazioni dello stato delle cose, dimostrando per giunta grande stupore per l’indagine in corso.

Nardelli cita inoltre il caso dell’impiegata infedele Cappelletti, dopo il quale pare siano state “rinforzate” le misure di controllo e prevenzione. Direi che ha sbagliato esempio: proprio sul caso specifico vorrei ricordare come dalle risposte alle mie interrogazioni sia emerso come il dirigente che doveva vigilare sull’impiegata che ha sottratto oltre 3 milioni attraverso finti rimborsi, ha ricevuto un avanzamento di carriera.. questa si che si potrebbe considerare una vera “fuga in avanti”!

L’impressione è che si dia fastidio, perchè svelare troppo rischia di incrinare l’incantesimo in cui evidentemente c’è ancora qualcuno che si culla. E’ il caso di dire che lo stupore espresso dal sindacato dirigenti lascia stupiti!

Cons. Claudio Cia

 

L’articolo sul quotidiano “Trentino” del 30 gennaio 2018:

Esito dell'iniziativa

 

Comunicato inviato ai media locali il 29 gennaio 2018, in risposta all’articolo sul quotidiano “Trentino” dello stesso giorno:

 

 

 

 

 

L’articolo su “Agenzia giornalistica Opinione”: Indagine sulla sanità trentina: lo stupore del sindacato dirigenti lascia stupiti.

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa cookie tecnici e di terze parti per la raccolta in forma aggregata di dati anonimi che permettono di migliorare la fruibilità dei contenuti. Cliccando su "accetta", acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni e su come eventualmente disabilitare i cookie consultare l'informativa: cookie e privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi