Pazienti oncologici: un’organizzazione sanitaria che penalizza?

La sanità trentina, quando lascia a desiderare, rivela che i suoi problemi non sono da imputare al lavoro del personale sanitario, ma a coloro che ne hanno tracciato il futuro e che siedono dietro a delle scrivanie. Questa sanità costringe i pazienti con i loro problemi ad adeguarsi al nuovo sistema.

Una paziente operata di neoplasia, dovendo sottoporsi a visita oncologica per un controllo, è entrata nel sito dell’Azienda e per cinque settimane, regolarmente tutti i giorni, ha provato a prenotare un appuntamento a pagamento con la dottoressa oncologa di fiducia, senza però riuscirci. Allora ha invano telefonando al CUP: a marzo gli hanno detto di provare ad aprile, ad aprile per maggio, a maggio per giugno. Ma il bello viene ora.

La paziente, dopo che per ben sei settimane si è vista impossibilitata ad avere l’appuntamento in libera professione, ha chiesto una visita in regime mutualistico. La risposta ha dell’incredibile: “non posso daglielo perché lei, avendo sempre fatto le visite a pagamento, non è nella lista delle mutuabili. Per poterlo avere deve farsi fare la carta dall’oncologo per essere messa nella lista delle mutuabili.”.

Siamo alle comiche, la paziente non riesce ad avere la visita oncologia a pagamento per i motivi descritti, ma l’operatore del CUP gli dice che se vuole una visita in regime mutualistico deve avere la carta del suo oncologo con cui la richieda. Siamo alla follia.

Premesso quanto sopra, si interroga la Giunta provinciale per sapere:

  1. Chi, e con quale atto, ha disposto che una paziente seguita dall’oncologa, in regime di libera professione, debba avere la carta dalla stessa oncologa per essere messa nella lista delle mutuabili?
  2. Quanti sono gli operatori del CUP, a quale ente giuridico fanno riferimento e quanto è il costo annuo sostenuto dall’Apss per tale servizio?
  3. Quanti sono i pazienti oncologici in Provincia di Trento, quanti di questi sono seguiti in regime di libera professione e quanti quelli in regime mutualistico?
  4. Quanti sono i pazienti oncologici in lista per una visita oncologica, qual è il tempo medio di attesa per avere una visita oncologica in regime di libera professione e in regime mutualistico.

A norma di regolamento, si chiede risposta scritta.

Cons. Claudio Cia

Esito dell'iniziativa

 

Interogazione a risposta scritta presentata l’8 maggio 2018, in attesa di risposta. L’iter sul sito del Consiglio provinciale: interrogazione n. 5919/XV

 

 

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Trento, il caso incredibile di oncologia

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa cookie tecnici e di terze parti per la raccolta in forma aggregata di dati anonimi che permettono di migliorare la fruibilità dei contenuti. Cliccando su "accetta", acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni e su come eventualmente disabilitare i cookie consultare l'informativa: cookie e privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi