Schermi tv alla buvette del Consiglio regionale… siamo alla follia!

Siamo alla follia! Ogni Consigliere è tenuto a seguire i lavori del Consiglio regionale nel quale è stato eletto, possibilmente stando in aula, ma se proprio qualcuno dovesse avere un impegno impellente può seguire la diretta in streaming dai computer in ogni ufficio dei gruppi consiliari nel palazzo della Regione, o se proprio volesse seguirne i lavori stando al bar lo può comunque fare dal proprio smartphone, tablet o laptop (quest’ultimo, fra l’altro, fornito dal Consiglio ad ogni consigliere).

Se in passato, dove non esistevano gli attuali supporti tecnologici e si tenevano molte più sedute del Consiglio regionale, a nessuno era mai venuto in mente di proporre di collocare dei monitor nella buvette, oggi l’Ufficio di presidenza, su proposta del vicepresidente Lorenzo Ossanna (Patt), ha deciso di spendere 80mila euro per dotare la buvette ed altri ambienti di monitor per seguire quanto accade in aula.

Sono anni che si sta spogliando la Regione di competenze, tanto da indurre molti a chiederne lo smantellamento. L’unica cosa che pare resistere sono solo i costi e questo è tra i più assurdi, uno schiaffo a chi si sente dire che per le politiche sociali ci sono sempre meno risorse e intanto i poveri aumentano.

Evidentemente si tratta di un altro tassello del declino della politica locale, se pur di non guardarsi in faccia ed ascoltarsi all’interno dell’aula del Consiglio ci si deve guardare attraverso uno schermo… magari stando al bar!

Cons. Claudio Cia

Esito dell'iniziativa

 

Comunicato inviato ai media locali il 30 maggio 2017.

 

 

 

L’articolo su “Il Dolomiti”: 80 mila euro per quatto monitor per seguire il Consiglio fuori dall’aula. La decisione del Consiglio regionale fa discutere.

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: 80 mila euro per gli schermi TV alla buvette del Consiglio regionale, Claudio Cia: “Siamo alla follia!”

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Buvette Consiglio regionale TN/AA: Cia, siamo alla follia. 80mila euro per le TV al bar

 

 

 

1 Commento

  1. Renato Battisti

    È proposito di smantellamento delle competenze della Regione…..
    Cosa ci fa un esercito di tecnici (qualche anno fa ne ho contati 11 più il responsabile)? Eseguono in proprio la manutenzione dell’immobile? E l’esercito di segreteria più dirigente che segue i consiglieri (che non hanno lavoro!)?
    Capisco la garanzia del posto, ma possiamo riciclati?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*