Tagli alle guardie mediche: convocazione straordinaria del Consiglio provinciale

Nel piano di “riorganizzazione” della sanità trentina i presidi territoriali delle guardie mediche subiscono una riduzione del 30%. In termini numerici si passa da 33 presidi sparsi sul territorio a 20, con due sedi che diventano operative durante la stagione turistica, e da circa 150 guardie mediche operanti in Trentino si passa ad un centinaio.

Gli amministratori locali riferiscono di aver ricevuto la notizia con comunicazione dal direttore dell’azienda sanitaria o tramite telefonate dai vertici del proprio distretto, quindi senza un reale confronto e una concertazione dell’iniziativa. La visione complessiva di questo piano non è chiara, considerato che a fronte di risparmi teorici dai tagli dei servizi sul territorio corrisponderà una progressiva centralizzazione della sanità, con aumento degli accessi nei pronto soccorso principali e conseguente calo della qualità del servizio.

Il presidio di guardia medica viene percepito come fondamentale per i cittadini, soprattutto quelli che vivono nei territori periferici della nostra provincia e che già manifestano insofferenza per la perdita progressiva di altri servizi essenziali.

Tutto ciò premesso, il Consiglio della Provincia autonoma di Trento impegna la Giunta provinciale a

sospendere l’applicazione del deliberato che taglia il numero di guardie mediche e i rispettivi presidi sul territorio, per intraprendere un confronto leale e trasparente con gli amministratori locali teso a concertare soluzioni che siano rispettose delle peculiarità dei territori e delle aspettative della popolazione.

Richiesta di convocazione straordinaria del Consiglio provinciale:

Con la presente si richiede la convocazione straordinaria del Consiglio per discutere la proposta di mozione che impegna la Giunta provinciale a sospendere l’applicazione del deliberato che taglia il numero di guardie mediche e i rispettivi presidi sul territorio, per intraprendere un confronto leale e trasparente con gli amministratori locali teso a concertare soluzioni che siano rispettose delle peculiarità dei territori e delle aspettative della popolazione, sottoscritta dai consiglieri Bezzi, Borga, Bottamedi, Cia, Civettini, Degasperi, Fasanelli, Fugatti, Giovanazzi, Simoni, Viola, Zanon.

L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 27 settembre 2016:

Guardie mediche, in aula e in piazza la protesta

L’articolo sul quotidiano “Trentino” del 27 settembre 2016:

Guardie mediche, oggi il dibattito

 

Esito dell'iniziativa

 

Convocazione straordinaria del Consiglio provinciale e proposta di mozione presentata il 14 settembre 2016. L’iter sul sito del Consiglio provinciale: proposta di mozione n. 464/XV

 

 

Esito: la proposta non è stata approvata

 

Come hanno votato i singoli consiglieri: voti mozione 464

 

 

 

Il documento sottoscritto da tutti i consiglieri di opposizione: convocazione straordinaria Consiglio

 

 

proposta mozione sospensione tagli guardia medica

 

 

Il resoconto dell’ufficio stampa del Consiglio provinciale: Guardie mediche: mozione respinta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*