Allagamento della sede e polemiche: la Centrale Unica fa acqua da tutte le parti?

Pare essere nata sotto una cattiva stella la Centrale Unica del 112.

Doveva partire nel 2013, ma a metà 2017 la Centrale Unica per le Emergenze pare sia ormai declassata a centralino unico di risposta, con lamentele dei cittadini per i ritardi nelle risposte (fino ad oltre 3 minuti) per poi ricevere risposte definite alla presentazione della stessa come “laiche”, chiamate smistate infine agli effettivi servizi destinatari. Anche dall’interno pare che il personale manifesti una certa insofferenza per aver ricevuto una preparazione non all’altezza delle aspettative, con operatori che di fatto hanno dovuto insistere per poter visitare altri centri simili e fare un po’ di pratica.

Anche il servizio di localizzazione del chiamante, che dovrebbe costituire il fiore all’occhiello della centrale, l’eccellenza che giustifica il circolare di personaggi legati all’Università e ha motivato il recente concorso frutto di polemiche, pare essere talmente all’avanguardia da inviare le Forze dell’Ordine, a volte, in luoghi addirittura inesistenti.

Nella notte di oggi, in seguito ad un temporale, pare sia certo un allagamento della sede del servizio, con danni notevoli anche alle apparecchiature ad alta tecnologia e computer della Centrale Unica.

Premesso quanto sopra, si interroga il Presidente della Giunta provinciale per sapere:

  1. se si conferma l’allagamento del 22 giugno 2017 presso la sede della Centrale Unica;
  2. in caso di risposta affermativa a cosa è imputabile e se in passato si sono verificati casi simili.
  3. se l’evento ha causato disservizi alla Centrale e quali sono i danni subiti e in quanto sono stati quantificati;
  4. se siano stati riscontrati problemi con il servizio di localizzazione del chiamante, anche segnalati dalle Forze dell’Ordine, e a cosa sono imputabili tali problematiche;
  5. come si è svolta la preparazione degli operatori della centralina di risposta e se questi abbiamo ricevuto una preparazione con simulazioni pratiche di chiamate;
  6. a quanto ammontano dall’istituzione della Centrale Unica, gli stanziamenti totali da parte della Provincia per tale progetto e in via generale in che ambito sono stati impiegati.
  7. a quanto ammontano i canoni di manutenzione delle radio Tetra annualmente e in totale da quando sono state introdotte, chi si occupa della manutenzione e quali sono i riferimenti dell’affidamento dell’incarico;

A norma di regolamento, si chiede risposta scritta.

Cons. Claudio Cia

 

L’articolo sul quotidiano “Trentino” del 23 giugno 2017:

L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 23 giugno 2017 (che erroneamente attribuisce l’interrogazione ad altro gruppo):

Esito dell'iniziativa

 

Interrogazione a risposta scritta presentata il 22 giugno 2017. L’iter sul sito del Consiglio provinciale: interrogazione n. 4683/XV

 

 

Risposta ricevuta il 4 agosto 2017: risposta interrogazione 4683 – Centrale Unica, infiltrazioni e costi

 

 

 

 

L’articolo sul quotidiano “Trentino” online: Temporali notturni: allagata la centrale del 112 di Trento

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: CUE, interrogazioni sulle lamentele e disservizi

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.