Cani alla catena, Cia (FdI): “Approvato il mio Ddl per fermare questa pratica che causa sofferenza ai nostri amici a quattro zampe”

Nella giornata odierna il Consiglio della Provincia autonoma di Trento ha approvato il mio disegno di legge, accorpato ad un’analoga proposta legislativa d’iniziativa giuntale (presentata però successivamente), volto a vietare l’utilizzo della catena, o qualsiasi altro strumento di contenzione simile (salvo che per ragioni sanitarie, documentabili e certificate dal veterinario curante, o per ragioni urgenti e temporanee di sicurezza), ai responsabili della detenzione di un’animale d’affezione.

E’ bene spiegare che la proposta approvata dal Consiglio provinciale non punta a eliminare l’obbligo per i proprietari di cani di condurre al guinzaglio il proprio amico a quattro zampe nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico, quanto piuttosto a vietare la pratica della detenzione del cane alla catena in Trentino. Si ricordi inoltre che, la legge provinciale sugli animali d’affezione del 2012 già prima dell’intervento del sottoscritto prevedeva il divieto di detenzione del cane alla catena, tuttavia la norma era talmente ambigua che risultava inefficace nella sostanza, anche e soprattutto perché non erano previste sanzioni per i trasgressori. La legge che ho presentato introduce le sanzioni amministrative (da 400 a 800 euro), fungendo così da forte deterrente per i trasgressori.

Esprimo dunque soddisfazione per l’approvazione di un disegno di legge di civiltà, che mira alla responsabilizzazione dei proprietari di animali d’affezione. Un cane non è infatti un oggetto, ma un essere vivente e senziente con specifiche esigenze, tra cui quella di camminare e di correre, che non sono meramente legate alla necessità dell’animale di espletare i propri bisogni fisiologici, ma anche e soprattutto all’importanza di avere contatti continuativi con l’ambiente esterno e con i suoi simili, evitando così la potenziale insorgenza di comportamenti aggressivi. Di conseguenza, costringere un cane a rimanere legato alla catena per lungo tempo è una pratica che, inevitabilmente, causa stress psicologico e sofferenza. Un cane fermo alla catena che non gli permette di muoversi liberamente, accedere agevolmente alla cuccia o alla ciotola con cibo e acqua, è inoltre impossibilitato a fuggire in caso di calamità come incendi, fenomeni alluvionali estremi o esondazioni torrentizie/fluviali.

Cons. Claudio Cia – Presidente del Gruppo Consiliare di Fratelli d’Italia

L’articolo su “L’Adige” del 01.12.2022:

L’articolo sul “Corriere del Trentino” dell’01.12.2022:

L’articolo su “Il T” del 01.12.2022:

L’articolo su “L’Adige” dell’11.01.2023 che riporta l’appello di Enpa:

L’articolo su “Il T” dell’11.01.2023 che riporta l’appello di Enpa:

Esito dell'iniziativa

 

Comunicato stampa inviato ai media locali il 30.11.2022.

 

L’iter del Disegno di legge sul sito del Consiglio provinciale:

Ddl unificato 125-131/XVI

 

L’esito della votazione sul Disegno di legge:

TU 125-131 voto finale

 

L’articolo sul dibattito in Consiglio provinciale:

Lavori conclusi in aula, sì al del per vietare i cani alla catena

 

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”:

Basta catene ai cani, multe fino a 800 euro, Cia (FdI): “Legge di civiltà”

 

L’articolo sul quotidiano on-line “L’Adige”:

Vietato tenere i cani legati alla catena, arriva la legge anche in Trentino

 

L’articolo su “Rai News”:

Cani alla catena: il Consiglio provinciale di Trento vota il divieto

 

L’articolo su “Il Dolomiti”:

Stop cani alla catena, in Trentino multe fino a 800 euro. Cia: “Serve responsabilizzare i proprietari di animali d’affezione”

 

L’articolo sul quotidiano on-line “Trento Today”:

Cane incatenato, padrone multato: a Trento ora è legge

 

L’articolo su “Kodàmi”:

Dal 2023 in Trentino dai 400 agli 800 euro di multa per chi tiene il cane alla catena

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.