Interrogazioni/Denunce

Quale intervento per la cappella del Crocifisso presso Mesiano?

Come riportato dalla stampa la storica cappella del Crocifisso presso Mesiano, eretta nel XVIII secolo dalla comunità poera, versa in condizioni di completo abbandono, con la copertura in disfacimento, invasa dalle piante e ripiena di ogni genere di rifiuti. Si tratta di un monumento di valore sia storico artistico che devozionale, riportato oltre che nel PRG anche nell’elenco dei luoghi ...

Leggi Articolo »

Canossiane: quale futuro per la scuola materna?

Ognuno di noi desidera il meglio per i propri figli. E’ un’aspirazione che coinvolge ogni istante del nostro vivere perché, come il nostro presente è condizionato dal nostro passato, così l’oggi dei nostri figli avrà riflessi sul loro domani e di questo ne siamo consapevoli. L’ingrediente che riteniamo più condizionante la loro crescita è il modello educativo che scegliamo e che, ...

Leggi Articolo »

Dipendenti del comune: nella diversità dei ruoli, equità da recuperare

È proprio il caso di dirlo “a chi ha sarà dato e a chi non ha sarà tolto anche quello che ha”. È una verità alla quale purtroppo ci stiamo abituando, ma ciò non toglie che quando si materializza nella pubblica amministrazione, lascia l’amaro in bocca.  Mi sto riferendo all’incomprensibile politica del comune verso i suoi dipendenti ai quali, dovendo ...

Leggi Articolo »

Sindaco scroccone

Cresce in questo periodo di congiuntura economica sfavorevole (per usare un eufemismo) l’insofferenza verso le spese, spesso allegre ed esagerate, della classe dirigente, spese che fanno da contraltare alle “lacrime e sangue” imposte di continuo al cittadino. A rendere indigesti questi “costi della politica” è soprattutto la constatazione che chi siede nella cabina di comando difetta sovente di oculatezza e ...

Leggi Articolo »

Inadeguatezza dei menu per gli ospiti della Rsa Gabbiolo

Gli ospiti della Rsa Gabbiolo, della Civica di Trento, proprio non ce la fanno più ad ingoiare il rancio proposto ed imposto dalla direzione di detta struttura. A farsi portavoce del disagio, da oltre un anno,  sono i familiari che in tutti i modi e in tutte le lingue hanno implorato un intervento risolutivo del direttore, ma a tutt’oggi nulla ...

Leggi Articolo »

Parcheggio via Chini, quale destino?

A valle del cimitero san Bartolomeo, da alcuni anni è, o meglio era, operativo un ampio parcheggio conosciuto come “di via Chini”. Detto parcheggio è stato ricavato su terreni di proprietà privata, impiegando notevoli risorse pubbliche in quanto, per renderlo agibile, si è dovuto procedere ad un importante sbancamento di terra, creare i sotto servizi (impianto di illuminazione, scarico delle ...

Leggi Articolo »

Viote, alla mercè di un doge?

Forieri di innumerevoli progetti, Provincia e Comune impegnano considerevoli risorse pubbliche per realizzare opere apparentemente disgiunte una dall’altra, ma che, ad un certo punto, come in un puzzle rivelano essere perfettamente complementari, interdipendenti e funzionali tra loro concorrendo a delineare un unico quadro pensato e voluto da politici burattinai, a vantaggio di pochi ma a spese di tutti noi. Questo ...

Leggi Articolo »

Rassegnati a vivere nella paura

Chi percorre via alle Coste e via Marnighe, per recarsi al Parco naturale delle Coste posto sulla collina alle pendici del Calisio, non può non notare la presenza di una cartellonistica cartacea “fai da te”. Abitanti del territorio e amanti di questo spazio verde hanno voluto così mettere in guardia la gente da possibili atti vandalici ad opera di ignoti ...

Leggi Articolo »

Capriccio equestre: un altro spreco

Per non essere da meno delle grandi città turistiche come Roma e Firenze, nel 2002 chi amministrava la città di Trento (Pacher e compagni) ha voluto la sua ”cavalleria” per cui in città si sono visti cavalli e cavalieri. Gli animali sono stati presi da un maneggio, i fantini sono stati individuati fra gli uomini della polizia municipale. Questo capriccio equestre ...

Leggi Articolo »

Aumenta l’insicurezza, ma non lo spreco di risorse

A Trento la sicurezza dei cittadini non è più un diritto scontato perché, per l’amministrazione della città, le priorità sono altre. Un tempo (10-20 anni fa) ci si poteva muovere, ad ogni ora della giornata e in tutte le direzioni, senza timore e con la certezza di rientrare al proprio domicilio senza incappare in spiacevoli sorprese. Grazie ad una politica ...

Leggi Articolo »