Lettere ai Quotidiani

Perchè il Sindaco non deve essere un tuttologo

Caro Direttore, il Trentino, come altri mezzi di comunicazione locale, ha evidenziato la presa di posizione dei consiglieri comunali uscenti di Trento, Maffioletti e Manuali, duramente critica della scelta di Claudio Cia, della Civica Trentina, quale candidato sindaco di Trento da parte di forze politiche di centro-destra e di formazioni civiche. A mio avviso chi cerca un’alternativa al centrosinistra non ...

Leggi Articolo »

Trento non sia lo zerbino della Provincia

Metodo, merito, tempistica: c’è tutta la superficialità e l’incapacità di dialogo dell’attuale Amministrazione provinciale nelle modalità con le quali sono stati decisi i tagli per 80 milioni di opere pubbliche ai danni dei Comuni del Trentino. Purtroppo, per quanto riguarda nello specifico Trento, il Comune capoluogo, c’è anche dell’altro. C’è la sempre più evidente propensione della Provincia a considerare la ...

Leggi Articolo »

Rossi e il mondo della scuola: il finto confronto e la reale arroganza

Accompagnato per ogni dove dall’ineffabile Consigliera Manuela Bottamedi – folgorata sulla via autonomistica (di maggioranza) dopo avere per pochi mesi occupato lo scranno (di minoranza) sulla quale l’avevano mandata gli elettori – il Presidente Ugo Rossi, con l’auto blu, sta attraversando le nostre valli per illustrare al popolo la genialità della sua più grande intuizione: il Trentino trilingue. Risuona ancora ...

Leggi Articolo »

Quando l’ideologia gender vuole farsi legge

In questi ultimi giorni i lavori del Consiglio provinciale di Trento sono stati monopolizzati dalla discussione sul disegno di legge “Interventi di contrasto delle discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale, dall’identità di genere o dall’intersessualità”, frutto dell’unificazione tra un disegno di legge di iniziativa popolare – promosso da Arcigay, Arcilesbica e altre sigle promotrici della cosiddetta “cultura del gender” – e un ...

Leggi Articolo »

Doppia preferenza di genere: la risposta sbagliata a un problema reale.

Il Consiglio regionale discuterà la prossima settimana il disegno di legge che prevede l’introduzione della doppia preferenza di genere nella normativa che disciplina l’elezione dei Sindaci e dei Consigli comunali in provincia di Trento. Qualora il provvedimento fosse approvato, l’elettore il quale intendesse avvalersi della possibilità di esprimere due preferenze sarebbe costretto ad attribuirle a due candidati di sesso diverso, ...

Leggi Articolo »

Scuola dell’infanzia, garantire le precarie

La Provincia autonoma di Trento ha indetto due concorsi pubblici, per titoli ed esami, l’uno per la copertura di complessivi 100 posti a tempo indeterminato e per eventuali assunzioni a tempo determinato per l’insegnamento delle lingue straniere Inglese e Tedesco nella scuola primaria, l’altro per la copertura di complessivi 60 posti a tempo indeterminato della figura di insegnante della scuola ...

Leggi Articolo »

Quando la realtà è più forte dell’ideologia

In merito all’intervento pubblicato su “l’Adige” di martedì 3 febbraio a firma Michela Papette, sottolineo anzitutto che l’autrice ha omesso di segnalare – come avrebbe voluto il rispetto dei lettori – di essere stata in tempi recenti Presidente di Arcilesbica Trentina e di ricoprirvi tuttora un ruolo di primo piano. Stiamo parlando di uno dei sodalizi riconducibili a quella lobby ...

Leggi Articolo »

Il rifiuto dell’omofobia è altra cosa dalla promozione dell’ideologia gender

In riferimento all’intervento di Alessandro Giacomini (Segretario dei Laici trentini per i diritti civili), pubblicato oggi tra le lettere dell’Adige, intendo precisare che la mia partecipazione alla conferenza citata in programma a Volano è avvenuta semplicemente in qualità di cittadino e di amministratore pubblico portatore di una determinata sensibilità e di un’attenzione particolare alle tematiche della vita e della famiglia. ...

Leggi Articolo »

Attaccamento ai trentini o attaccamento alle poltrone?

Quella scritta ieri dal Presidente Rossi e dagli Assessori provinciali del Partito Democratico è l’ennesima pagina di una commedia. Una commedia – ahimé – tutt’altro che divertente. Una commedia squallida, che si trascina ormai da mesi di fronte ad una comunità trentina sempre più attonita di fronte al desolante spettacolo di una classe di governo intenta a risolvere le proprie ...

Leggi Articolo »