Lettere ai Quotidiani

Comunità, nuove spese. Non vado a votare

Il 24 ottobre si svolgeranno le elezioni per le comunità di valle e confesso che non andrò a votare e ho l’impressione di non essere l’unico, anzi, saranno in molti a non farlo e non per pigrizia e, tanto meno, in disprezzo del sangue versato da quanti per la nostra libertà hanno lottato pagando anche con la propria vita. Semmai ...

Leggi Articolo »

A quando un parcheggio per il «San Camillo»?

Egregio direttore, l’ospedale S. Camillo da sempre è una realtà al servizio di Trento e non solo. Ad esso ogni anno affluiscono decine di migliaia di persone in stato di bisogno clinico e/o assistenziale. Si pensi che nel solo 2009 l’ospedale ha avuto 85 mila accessi ambulatoriali, 9% parti e 6 mila ricoveri. Dobbiamo poi tener conto che ogni ricovero ...

Leggi Articolo »

La politica non deve entrare negli ospedali

Egregio direttore, in questi giorni l’assessore provinciale Rossi ha risposto alle critiche del consigliere comunale Patton che, nei giorni scorsi, nell’esprimere il suo disappunto ha denunciato l’ingerenza politica nella scelta del nuovo primario di ginecologia per l’ospedale di S. Chiara. Fatto che avrebbe portato all’esclusione dell’unico professionista, dott. Maurizio Rosati, che da molti anni sta lavorando sul nostro territorio con ...

Leggi Articolo »

Piazza Dante crolla il ponteggio

Egregio Direttore, in piazza Dante, a Trento, è caduto il ponteggio indispensabile per la costruzione dell’ opera che nessuno riesce a definire d’arte. È grottesco vedere questa impalcature rovinata sui sacchi di sabbia. Al turista che arriva con il treno, oggi, piazza Dante sembra un campo di battaglia e, vagli a dire, che quello che vede è un piccolo incidente ...

Leggi Articolo »

Basta grandi opere, più servizi alla persona

In questi giorni più famiglie denunciano un grande disagio come quello espresso da un’anziana ottantenne che assiste in casa il marito ammalato di qualche anno più vecchio. La signora lamenta la carenza di sevizi mirati a sollevare il carico di fatiche e stress dovuti all’assistenza del coniuge che gli consentirebbe un periodo di riposo e non solo. Infatti per poter ...

Leggi Articolo »

Ospedale San Camillo ora serve più serenità

Ora che la Provincia ha ri­conosciuto l’accreditamento definitivo all’ospedale San Camillo di Trenta, valido per tre anni, non posso tacere che per molti mesi si è parla­to di questo ospedale come di una realtà allo sbando, or­mai prossima alla chiusura perché in “rotta di collisio­ne” con l’amministrazione provinciale che, come ben sappiamo, è il “cliente” di servizi sanitari e, quindi, ...

Leggi Articolo »

Anziché alle bande si pensi alle famiglie

Signor Direttore, mentre il suo giornale documenta che nel Trentino sono aumentati i poveri e nuove forme di povertà si stanno affermando nel nostro territorio, siamo spettatori impotenti e rassegnati di un agire politico vergognoso che, in tempo di crisi, vede l’amministrazione provinciale, capitanata dal «principe» Dellai, usare milioni di euro per finanziare hobby, attività ludiche e ricreative, progetti internazionali (come ...

Leggi Articolo »

Sanità trentina ottima ma la gente non lo sa

Egregio Direttore, più voci di donna si sono levate per esprimere indignazione perché molti medici ginecologi, a fronte di diagnosi cliniche che impongono un intervento chirurgico in laparoscopia, perché meno invasiva, indirizzano le pazienti verso ospedali fuori provincia nonostante il nostro territorio abbia strutture e professionisti che al riguardo vantano delle eccellenze di tutto rispetto, ma che purtroppo sono conosciuti ...

Leggi Articolo »

Il no al bonus bebè affronto alla famiglia

Signor direttore, come correttamente ha informato il suo giornale, il consiglio comunale di Trento ha respinto un ordine del giorno con cui si voleva istituire un bonus bebè a sostegno della famiglia nei primi due anni di vita del nuovo nascituro. Se avesse avuto il voto positivo, questo provvedimento sarebbe costato poco meno di due milioni di euro all’anno. È ...

Leggi Articolo »

La bufera sulle nomine: un sovrano e i suoi vassalli

È avvilente e disarmante quanto ormai da giorni leggiamo sui giornali circa la distribuzione di incarichi, competenze e appalti ai vassalli di partito e ai rispettivi associati. Il sistema del vassallaggio è, ormai da anni, il motivo conduttore (Leitmotiv) di chi ha in mano le redini della politica e le chiavi delle ricchezze della nostra provincia. In questo sistema è facile ...

Leggi Articolo »