CdA di ITEA a pranzo in malga… si festeggiano i 5 milioni di utile?

Un consiglio d’amministrazione in malga? Perché no, d’altronde a lanciare la moda era stato in tempi ormai passati l’ex presidente della Provincia autonoma di Trento, Lorenzo Dellai, quando in più d’una occasione ha riunito la sua Giunta davanti a polente fumanti o risotti allo spumante. Chissà se ci ha pensato anche il Consiglio d’amministrazione di Itea spa, – magari sull’onda dell’esperienza da macellaio del suo presidente – che all’inizio di aprile si è riunito per una cena con riunione in una malga della valle di Non.

Non si sarebbe trattato, dicono i ben informati, di un incontro di piacere o di una semplice mangiata – forse, sostengono i maligni – a spese della società. I consiglieri di amministrazione avrebbero infatti discusso di argomenti inerenti Itea, ma hanno preferito farlo al di fuori delle stanze di via Guardini, in un’atmosfera, diciamo così, più bucolica.

Nulla di male, nessun reato, per carità. Piuttosto il segno di uno stile che per alcuni stride con la situazione di Itea, malgrado lo strombazzamento sul bilancio “straordinario” (parole del presidente Ugo Rossi) relativo al 2015 che ha fruttato utili per 5 milioni di euro. Ci sono infatti casi di inquilini che si sono visti aumentare l’affitto mensile malgrado il loro reddito non fosse variato.

E come dimenticare i 10 milioni di euro stanziati da ‘mamma’ Provincia per la manutenzione straordinaria degli alloggi di risulta, utilizzati però solo per il 10%? Oppure il fatto che vi siano significativi ritardi da parte di Itea nei pagamenti dei lavori eseguiti dalle imprese aggiudicatrici degli appalti, ritardi che vanno da un minimo di 6 mesi ad oltre un anno.

Se poi si considera che il patrimonio di Itea è stato completamente pagato dai contribuenti trentini almeno un invito a cena collettivo, il cda di Itea, lo poteva fare!

Claudio Cia

Esito dell'iniziativa

 

La foto di gruppo in malga del CdA Itea:

 

foto cda itea

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.