Claudio Cia querelato dalla Dirigente del dipartimento Istruzione Ferrario: anche Rossi testimone in aula

Si è svolta, a Palazzo di Giustizia, nel primo pomeriggio e dopo lunga attesa, l’escussione dei testi nel processo promosso dalla dirigente generale della Provincia di Trento Livia Ferrario che aveva querelato il consigliere Claudio Cia per una dichiarazione che l’esponente politico aveva diramato alla stampa lo scorso 6 gennaio e pubblicata da diversi quotidiani, in occasione del commissariamento della scuola trentina.

Mentre numerosi organi di stampa avevano pubblicato il pensiero del consigliere Cia, è finito sotto processo il solo Claudio Taverna, direttore responsabile de “La Voce del Trentino”. Alla domanda dell’avvocato Domenichelli, difensore di Taverna, che aveva chiesto ragione della scelta, la querelante ha risposto con un “non lo so”, mentre l’avvocato Bonora, legale di parte civile, si è immediatamente affrettato a rivendicarne la responsabilità. Strana la scelta, quindi. Ancor più strana la dichiarazione di responsabilità dell’avv. Bonora.

Lineare, completa, esauriente la deposizione di Mauro Pericolo, segretario generale del sindacato Delsa. Il sindacalista, ripercorrendo le vicende che hanno portato al commissariamento della scuola trentina, ha letteralmente demolito la deposizione della querelante, che incalzata dalle avvocatesse Fronza e Domenichelli, è apparsa confusa, contraddittoria e in alcuni momenti reticente.

Nessun contributo, invece, da parte del governatore Rossi, anche lui sul banco dei testimoni. Il presidente della Provincia “interrogato” dalla difesa non ha saputo rispondere alle numerose domande che gli sono state rivolte. Rossi, pur esercitando le competenze sul personale e sulla scuola, ha fornito la sua versione, con «tanti non ricordo e non so».

Terminata la deposizione dei testimoni, l’udienza è stata rinviata per il dibattimento della causa al 21 settembre p.v.

 

[dal quotidiano “TrentinoLibero”: vai all’articolo originale]

 

L’articolo sul quotidiano “Trentino” del 7 luglio 2018:

L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 7 luglio 2018:

L’articolo sul quotidiano “Corriere del Trentino” del 7 luglio 2018:

Esito dell'iniziativa

 

[dal quotidiano “TrentinoLibero”: vai all’articolo originale]

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Processo Cia-Taverna rinviato a settembre. Livia Ferrario confusa, contraddittoria e reticente, mentre Rossi non ricorda nulla.

 

 

 

Le foto dell’udienza del 6 luglio (foto Paolo Pedrotti):

 

 

 

 

 

Il comunicato origine della querela: Commissariamento della scuola trentina: la capitolazione della nostra Autonomia.

 

 

ALLEGATI:

 

estratto seduta del 19 dicembre 2017 – intervento in aula

 

Richiesta di chiarimenti del Ministero dell’Istruzione – Beltrame

 

COMUNICATO STAMPA DELSA – CONFERMATO COMMISSARIAMENTO

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.