diritto alla vita

Il diritto alla vita è il vero diritto civile.

In quest’epoca, molte persone, forze politiche e svariate organizzazioni sono impegnate in tutte le sedi istituzionali per elevare l’interruzione volontaria della gravidanza a diritto universale fondamentale, con tutte le implicazioni del caso. Anche il dibattito collaterale al recente G7 ha toccato questo tema e alimentato le consuete polemiche.

L’aborto sarà anche considerato un diritto, ma sono sempre più convinto che non tutti i diritti possano essere considerati veri “diritti civili” o umaniDi certo lo è il diritto alla vita, un bene inestimabile che nessun calcolo politico o di altra natura può misurare. Il cosiddetto diritto all’aborto, affermatosi dal 1978, rappresenta purtroppo una tragica sconfitta per l’umanità. Quando la vita perde significato e valore, ogni mostruosità diventa possibile. Madre Teresa di Calcutta, non a caso, ci ricorda che l’aborto è “il più grande distruttore della pace”.

Forse a qualcuno potrà dare fastidio, ma io, quando guardo un bambino, penso anche ai tanti che non hanno potuto nascere, essere cullati, essere amati, essere la vera novità del mondo, un seme di speranza. Ogni bambino nato ci chiede e ci impegna ad amare e difendere la vita, sempre e comunque. È più forte di me, è un valore a cui non posso rinunciare.

Claudio Cia

 

La lettera su “la Verità” del 19 giugno 2024:

Il diritto all'aborto è una sconfitta

La lettera su “il T quotidiano” del 20 giugno 2024:

Il diritto alla vita è il vero diritto civile

La lettera sul quotidiano “l’Adige” del 18 giugno 2024:

Aborto, preferisco il diritto alla vita

Esito dell'iniziativa

 

Lettera inviata ai quotidiani locali il 17 giugno 2024

 

 

 

 

Qui un mio precedente intervento sull’argomento sul “Corriere del Trentino” del 19 aprile 2024:

 

Aborto, in Alto Adige aumentano i casi, in Trentino meno centri

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.