I finti “civici” e la politica del camaleonte

Il camaleonte si contraddistingue per la sua capacità di mutare colore, la lunga lingua appiccicosa con cui cattura le sue prede e i grandi occhi che possono ruotare l’uno indipendentemente dall’altro per cogliere al volo la migliore opportunità.  

Un’immagine questa, che in politica bene si presta a delineare quanti negli ultimi anni si propongono con la veste di “civici” ma di civico hanno poco o niente. Sono scaltri e sanno riconoscere i tempi, hanno capito che oggi non paga presentarsi con la bandiera dei partiti, per cui si camuffano da “civici” per catalizzare consensi. Così facendo si burlano dei cittadini, ma tutto torna a chi sa aspettare: il falso civico è come l’ombra che ci segue finché dura il sole…

Ci sono politici di lungo corso che con sfrontatezza affermano di “poter interpretare e assecondare la voglia di cambiamento”. Io che ho avuto un percorso integralmente civico e non ambisco ad essere un mutante, dico semplicemente che questi signori, che sai con chi iniziano un percorso politico ma non sai mai con chi lo finiscono, mi ricordano solo la vecchia politica, a cui non affiderei certo il futuro della nostra terra. Mentre il Consigliere Viola esce allo scoperto rinnegando il centro destra dal quale proviene, io non ho problemi a dichiararne l’appartenenza, perché la mia bussola non è taroccata. Non rinnego il mio pensiero e la mia sensibilità, perché se sono veri ti rappresentano sempre e ti fanno conoscere per quello che sei.

Quando ho accettato di rappresentare il centro destra unito alle elezioni comunali di Trento, io non scherzavo, ci ho creduto e con me anche tanti che con entusiasmo mi hanno sostenuto durante la campagna elettorale. Ora scopro invece che per Viola è stato un incidente di percorso, e che Lega Nord e Forza Italia sono degli appestati da tenere lontani. Forse non ha memoria che un progetto politico che escluda a priori i partiti nazionali, non può che replicare il flop del 2013.

La verità è che la corsa verso il 2018 è già iniziata, e mentre il Presidente Rossi si affanna a rassicurare circa la compattezza della sua coalizione, dietro le quinte si muovono manovre politiche per costruire, già da adesso, un quadro di governo del tutto diverso dall’attuale, con le “civiche” attentissime a cogliere i messaggi di possibile coinvolgimento.

In questo contesto è triste constatare come Viola e altri “civici” siano distanti dalle motivazioni che stanno a fondamento delle vere Civiche, e che risiedono nella volontà di affrontare i molteplici problemi proposti dai cittadini per quello che sono, senza pregiudizi e pregiudiziali politiche, per non disturbare questo o quello. È triste prendere atto di come le “civiche”, forse pronte per trasformarsi all’occorrenza in partiti, invece di affrontare con grinta e convinzione i reali problemi della gente si concentrino invece sulla costruzione di equilibri politici entro i quali realizzare ambizioni di potere.

Claudio Cia

L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 13 maggio 2016:

Cia, Viola camaleonte camuffato da civico

Esito dell'iniziativa

 

Comunicato inviato il 12 maggio 2016, in replica all’articolo uscito su “l’Adige” del 12 maggio:

 

 

Civica Trentina, Cia verso l'addio

 

 

 

In allegato a fondo pagina l’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 13 maggio 2016.

1 Commento

  1. Purtroppo penso proprio sia così. .. sento certi movimenti sulle civiche e penso che la politica della poltrona vincerà anche questa volta ma quando saranno su quella poltrona dovranno render conto a qualcuno e lo spirito civico se ne andrà. Una delusione immensa.. le liste civiche cosi costituite avranno vita breve; non sono riuscite a far tornare le persone alla politica e si sono chiuse in se stesse come i vecchi partiti e adesso fanno anche le trattative segrete. Dovevano essere un nuovo labarotorio da cui ripartire ma prottagonismi e paura del confronto le stanno distruggendo…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.