La benzina va alle stelle e il Comune resta senza gas

È proprio il caso di dirlo: il Comune è rimasto senza gas.

Con il 31 dicembre 2011 il grande parco macchine della pubblica amministrazione non può fare il pieno di metano perché qualcuno si è dimenticato di indire e/o rinnovare il contratto di fornitura del combustibile. Questo succede mentre i media ci informano che la benzina ha oltrepassato la quota 1,7 euro al litro, che nel comune di Trento inquinanti e polveri sottili per 45 volte hanno superato la soglia dei limiti consentiti, che il sindaco è alla disperata caccia di soldi per far funzionare la pubblica amministrazione e che è perentorio contenere la spesa pubblica perché si rischia di chiudere «baracca e burattini».

A fronte di tutto ciò è sbalorditivo constatare che in Comune sembra mancare la capacità di previsione e di pianificazione di interventi per mantenere efficienti i servizi e per contenere la spesa pubblica. Sono state investite notevoli risorse per  acquistare mezzi a basso impatto ambientale e ora si scopre che questi, per mancata programmazione, devono  muoversi a benzina o a diesel. Alla faccia del risparmio e dei proclami in difesa dell’ambiente!

Claudio Cia

Esito dell'iniziativa

 

Fonte:

 

“l’Adige” – 7 gennaio 2012

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.