“Mafia” in Trentino: politici scandalizzati, la Giunta abbandona l’aula del Consiglio

Rossi ha dichiarato che si stanno diffondendo i germi di una delegittimazione a prescindere delle istituzioni che porta alla crisi irreversibile della democrazia. Ma siamo sicuri che a generare l’antipolitica siano le minoranze, o non piuttosto un agire politico impregnato di ambiguità e interessi che non aiutano il cittadino a guardarci con fiducia e rispetto.

Ma come è vissuta la nostra azione politica dal popolo?

Scandali, conflitti d’interessi, incompatibilità, bugie, appalti ​dubbi, ​finanziamenti sospetti, ​clientelismo, piazéri e piazeròti sono la punta di un iceberg fatto di illegalità e rappresentazione di una certa politica che ama annaspare nel torbido. Più guardano alla politica, più si convincono che il Trentino non sia poi tanto diverso dai territori impregnati di Camorra. Nel Sud Italia, il crimine organizzato nasce fuori dai palazzi istituzionali e in cerca di copertura si rivolge poi ai politici, per espandersi e perpetuare l’azione criminale.

In Trentino no. A generare mafia è la politica fatta da certi ​personaggi che, stando al riparo, hanno umiliando, spolpato le istituzioni per creare un sistema di potere su cui modellare norme, dare vita a società, inventare bisogni e pretesti tali da giustificare l’uso di denaro pubblico, piazzare fedelissimi – i picciotti della polenta e lugànega – a presidio di posti strategici.

Un tempo il fedelissimi marcavano la piazza del paese, oggi li troviamo nei punti cardine del sistema. C’è la convinzione che da noi non si usa la lupara… si lavora di fioretto: se non ti adegui, perdi gli “amici”​,​ ​se perdi gli “amici” perdi il finanziamento, se perdi il finanziamento chiudi baracca e burattini. Non sei schierato con il partito giusto? Allora non ricevi sostegno, non trovi o perdi il lavoro, per te non c’è l’appartamento Itea, la meritocrazia non conta. Nella tua terra la vita diventa un inferno.

La paura è l’ingrediente vitale che alimenta questo sistema, ti obbliga al silenzio e,  in questo silenzio, diventiamo tutti sudditi, vincolati alle promesse di quelli che vengono percepiti come i nostri padroni che spesso, per una sorta di Sindrome di Stoccolma, siamo noi stessi ad osannare. In molti sappiamo e vediamo, in molti però tacciamo adeguandoci, e il nostro silenzio è pure manifesto quando, invece di recarci a votare per imprimere un cambiamento, preferiamo disertare le urne. Nostro malgrado, si costringono a pensare e ad agire quasi fossimo anche noi dei mafiosi, perché il silenzio è complice del crimine.

Diceva Oriana Fallaci che “vi sono momenti, nella vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre”.

Generalmente i cittadini detestano questo modo di servirsi della politica, ma sono pure pronti ad omologarsi ad esso quando si convincono che, per vedere materializzati i loro sogni, con questi politici devono scendere a patti. D’altronde prima di mettersi nelle mani di qualcuno, viene naturale affidarsi a chi più di altri può garantirti, ad esempio, l’approvazione di un progetto e magari pure il finanziamento per realizzarlo.

Non sono citati esplicitamente, ma evidentemente tra gli “addetti ai lavori” sono noti casi di consiglieri, assessori, sindaci, mogli o parenti vari che traggono beneficio dall’affidamento di opere finanziate con denaro pubblico. Anche molte amministrazioni pubbliche distribuite sul territorio preferiscono affidarsi a professionisti che hanno influenza in seno alle istituzioni provinciali. In alternativa, se questo non fosse possibile, assoldano chi è imparentato con il politico che conta.

Un criterio che condiziona anche il modus operandi del comune cittadino, convinto che chi non ha buone sponde in Provincia, non va da nessuna parteÈ così che con questa prassi il professionista imparentato con il politico, o il politico che è pure il professionista incaricato, assumono un’influenza e un potere tendente a spazzare via chiunque possa dar loro fastidio o risulti un potenziale concorrente.

Ho chiesto se nel corso della legislatura siano stati affidati incarichi per consulenze o progettazione di opere finanziate con soldi provenienti dal bilancio provinciale a personalità che rivestono un ruolo istituzionale in seno alla Giunta o al Consiglio, o a loro parenti e affini entro il secondo grado, o a società a loro riconducibili, e naturalmente anche gli eventuali importi in dettaglio. Ho espresso l’auspicio che nella risposta prevalga il coraggio della verità. Ad oggi non ho risposta.

Durante questo mio intervento la giunta ha abbandonato l’aula in segno, credo, di protesta.

Dopo aver esposto quanto sopra, a proposito di misteri da far”, ho sollevato la questione del progetto della “tangenziale” al passo del Tonale e ho chiesto che per evitare ambiguità nell’interpretare operazioni dove c’è commistione tra interessi personali di un Assessore e interessi pubblici, si sospenda in attesa di risposte certe. In alternativa, che a togliere a lui la delega sia il presidente Ugo Rossi, presumendo che questo sia stato all’oscuro di tale interferenza di interessi.

Cons. Claudio Cia

L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 21 dicembre 2016:

L’articolo sul quotidiano “Trentino” del 21 dicembre 2016:

Esito dell'iniziativa

 

Il video dell’intervento completo in aula:

 

 

 

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Bufera in Consiglio, la Giunta abbandona l’aula durante l’intervento di Claudio Cia

 

 

L’articolo su “l’Adige” online: Durissimo scontro nell’aula del Consiglio provinciale

 

 

L’intervento di Claudio Taverna su “La Voce del Trentino”: Sto dalla parte di Claudio Cia, casi clamorosi in Trentino, antichi e recenti

 

 

La vignetta di Domenico La Cava su “Edicolando”: Cia fa “incazzare tutta la Giunta di Trento

 

 

 

 

 

In allegato a fondo pagina gli articoli sui quotidiani locali.

 

 

 

Un breve promemoria d’archivio:

 

Borgonovo Re: “Nei piccoli comuni trentini c’è la mafia” – 14 luglio 2006

 

 

La mafia c’è anche in Trentino: nei piccoli comuni chi ha un certo nome e fa parte della maggioranza trova dappertutto le porte aperte – 29 luglio 2006

 

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.