cartelle cliniche - documenti sanitari

Claudio Cia interroga sulla mancata gratuità della cartella clinica negli ospedali trentini

Nella sessione odierna del Consiglio provinciale, il consigliere Claudio Cia ha sollevato un’interrogazione a risposta immediata riguardante il rilascio gratuito delle cartelle cliniche dei pazienti presso gli ospedali trentini. La questione affrontata deriva da una sentenza della Corte di Giustizia Europea (EU:2023:811, C-307/22 del 26/10/2023), che sancisce il diritto dei pazienti di ottenere gratuitamente la prima copia della propria cartella clinica, comprendente informazioni dettagliate quali diagnosi, esiti degli esami e pareri medici.

Tuttavia, nonostante questa sentenza,risulta che negli ospedali trentini sia richiesto un pagamento di 20 Euro a cartella clinica. Il Consigliere Cia ha pertanto chiesto alla Giunta Provinciale quali azioni intenda intraprendere per conformarsi alla sentenza della Corte di Giustizia Europea e se sia previsto un meccanismo di rimborso per i pazienti che hanno continuato a sostenere il costo per ottenere la propria cartella clinica dopo la pronuncia della sentenza.<

La risposta dell’Assessore alla Salute, Mario Tonina

In risposta, l’Assessore alla Salute, Mario Tonina, ha sottolineato che la legge Gelli-Bianco del 2017 regola gli adempimenti in materia di trasparenza dei dati sanitari, stabilendo che l’esame dei documenti sia gratuito, mentre il rilascio di copie è subordinato al rimborso dei costi di riproduzione. Tale principio è rispecchiato anche nella normativa provinciale. Tonina ha evidenziato che l’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari ha adottato una deliberazione che disciplina la procedura per il rilascio della documentazione sanitaria, prevedendo il rimborso dei costi di riproduzione delle cartelle cliniche.

Ha inoltre specificato che l’applicazione della sentenza della Corte di Giustizia Europea richiede un’analisi approfondita per individuare le modalità giuridicamente corrette per procedere. A tal fine, è stato richiesto un parere all’Avvocatura Distrettuale dello Stato.

La replica del Consigliere Claudio Cia

In risposta alla posizione dell’Assessore alla Salute, il consigliere Claudio Cia ha evidenziato che diverse aziende sanitarie a livello nazionale hanno già adottato misure per garantire il rilascio gratuito delle cartelle cliniche, in linea con la sentenza della Corte di Giustizia Europea (qui un esempio dalla Regione autonoma della Sardegna…).

Cia ha inoltre ribadito che le statuizioni della Corte di Giustizia Europea hanno effetto immediato nell’ordinamento italiano, secondo quanto stabilito dalla Corte Costituzionale. Pertanto, la mancata applicazione di tali statuizioni rappresenta un inadempimento degli obblighi derivanti dalla normativa comunitaria. Cia ha sottolineato l’importanza di adottare provvedimenti rapidi e conformi alle normative europee per garantire ai pazienti trentini il pieno godimento dei loro diritti in ambito sanitario.

 

L’articolo su “il T quotidiano” del 7 maggio 2024:

Cia, le cartelle cliniche siano gratis
L’articolo su “il T quotidiano” dell’ 8 maggio 2024:
Cartelle mediche, Cia obbliga l'Apss a renderle gratuite
L’articolo sul quotidiano “l’Adige” dell’ 8 maggio 2024:
Cartelle cliniche, prima copia gratis, Cia, va applicata la sentenza europea

 

Esito dell'iniziativa

 

Comunicato inviato ai media locali il 7 maggio 2024.

 

 

 

Qui l’interrogazione: Ospedali trentini, il rilascio della cartella clinica del paziente sia gratuito.

 

 

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Cartelle cliniche gratis in Trentino grazie alla sentenza della Corte di Giustizia europea

 

L’articolo su “Gazzetta delle Valli”: Ospedali trentini, interrogazione del Consigliere provinciale Claudio Cia

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.