cura odontoiatrica

Un ddl per modificare la legge sull’assistenza odontoiatrica in Provincia di Trento.

La salute del cavo orale, in senso lato, e in particolare l’assistenza odontoiatrica, sono caratterizzate da rilevanti implicazioni sanitarie e sociali, soprattutto in termini di qualità della vita e di sostenibilità economica. In un periodo in cui la politica locale è fortemente orientata verso il concetto di stato sociale, la legge provinciale n. 22 del 2007 ha inteso sviluppare e potenziare l’ambito di tutela della salute odontoiatrica. Essa provvede, in particolare, a:

  • definire i diritti esigibili da parte dei cittadini nel settore delle cure odontoiatriche;
  • stabilire l’impegno prioritario rivolto a categorie di persone in condizione di particolare vulnerabilità sanitaria e sociale;
  • consolidare lo sviluppo dell’assistenza protesica e dell’ortodonzia;
  • definire il campo di operatività dei fondi integrativi.

Il disegno di legge posto all’attenzione del Consiglio provinciale di Trento interviene sul comma 3 dell’articolo 2, laddove si prevede che la Provincia autonoma di Trento, per le attività non eseguite dalle strutture pubbliche del servizio sanitario provinciale, assicura determinati tipi di prestazioni solo attraverso il convenzionamento a tariffe prestabilite con ambulatori e studi odontoiatrici privati. Alla luce del limitato numero di soggetti privati convenzionati attualmente esistenti in Provincia autonoma di Trento, si ritiene importante fornire al cittadino la possibilità di scelta circa uno specialista odontoiatrico di propria fiducia. Ciò si ritiene particolarmente importante per consentire ai cittadini di accedere alle cure desiderate in tempi ragionevoli e senza la necessità di dover effettuare grandi spostamenti sul territorio provinciale alla ricerca dello specialista convenzionato disponibile ad effettuare un determinato tipo di prestazione.

Per questo motivo, si propone che l’attività di prevenzione secondaria avente ad oggetto la fornitura di interventi curativi e la compartecipazione nelle spese di fornitura di apparecchi per l’ortodonzia, compresa l’attività medico-specialistica connessa all’applicazione, possano essere assicurati dalla Provincia autonoma di Trento attraverso il concorso nelle spese per le cure eseguite da medici dentisti o odontoiatri liberi professionisti che svolgono le loro prestazioni nel territorio provinciale in regime di assistenza indiretta.

Seguono alcuni interventi di raccordo legislativo. Conseguentemente alla modifica proposta, si interviene sull’articolo 3 della legge provinciale n. 22 del 2007, poiché la legge in vigore prevede gli interventi in convenzione diretta con la sola eccezione del superamento dei tempi di attesa massimi prestabiliti. Infine, la novella legislativa modifica l’articolo 5, comma 2, della sopracitata legge laddove essa prevede l’erogazione delle prestazioni in via indiretta solamente nel caso di superamento dei tempi di attesa massimi prestabiliti (quarantacinque giorni dalla prenotazione). Tale unica possibilità è ribadita al punto 7 delle direttive per l’attuazione, da ultimo emanate con la delibera della Giunta provinciale n. 383 del 15 marzo 2021.

La modifica proposta non comporta ulteriori spese per il bilancio provinciale in quanto le relative spese sono già previste nella quota annuale del fondo sanitario provinciale destinata all’attuazione della legge provinciale n. 22 del 12 dicembre 2007, oggetto di modifica.

DISEGNO DI LEGGE

Modificazioni della legge provinciale 12 dicembre 2007, n. 22 (Disciplina dell’assistenza odontoiatrica in provincia di Trento)

Art. 1

Modificazione dell’articolo 2 della legge provinciale 12 dicembre 2007, n. 22 (Disciplina dell’assistenza odontoiatrica in provincia di Trento)

1. Nel comma 3 dell’articolo 2 della legge provinciale n. 22 del 2007, le parole: “Per le prestazioni di cui al comma 2, lettere b) e c), in ogni caso, è previsto il convenzionamento a tariffe prestabilite degli erogatori privati individuati dall’articolo 5, per le attività non eseguite dalle strutture pubbliche del servizio sanitario provinciale.” sono sostituite dalle seguenti: “Per le attività non eseguite dalle strutture pubbliche del servizio sanitario, le prestazioni di cui al comma 2, lettere b) e c), sono erogate previo convenzionamento a tariffe prestabilite dagli erogatori privati individuati dall’articolo 5 o, in alternativa, in forma di concorso nelle spese per le cure eseguite in regime di assistenza indiretta. Le prestazioni possono essere fruite presso medici dentisti o odontoiatri liberi professionisti che svolgono le loro prestazioni nel territorio provinciale.”

Art. 2

Modificazioni dell’articolo 3 della legge provinciale n. 22 del 2007

1. Nel comma 8 dell’articolo 3 della legge provinciale n. 22 del 2007, la parola: “obbligatoriamente” è soppressa

2. Nel comma 8 dell’articolo 3 della legge provinciale n. 22 del 2007, dopo le parole: “individuati dall’articolo 5” sono inserite le seguenti: “o, in alternativa, il concorso nelle spese per le cure eseguite in regime di assistenza indiretta”.

Art. 3

Modificazioni dell’articolo 5 della legge provinciale n. 22 del 2007

1. Nel comma 2 dell’articolo 5 della legge provinciale n. 22 del 2007, le parole: “nel caso di superamento dei tempi di attesa massimi prestabiliti,” sono soppresse.

Art. 4

Disposizione finanziaria

1. Dall’applicazione di questa legge non derivano maggiori oneri rispetto a quanto autorizzato nel bilancio provinciale nella missione 13 (tutela della salute), programma 01 (Servizio sanitario regionale – finanziamento ordinario corrente per la garanzia dei LEA) titolo 01 (spese correnti), con riferimento alla quota individuata per l’attuazione della legge provinciale 12 dicembre 2007, n. 22.

Esito dell'iniziativa

 

Disegno di legge presentato in data 11 marzo 2024. Segui l’iter sul sito del Consiglio provinciale: disegno di legge n. 17/XVII

 

 

 

L’articolo sul mensile “Cronache” del Consiglio provinciale di aprile 2024:

 

cure dentistiche migliori per minorenni e fasce deboli

 

 

 

Richiesta di accesso agli atti: richiesta accesso atti – segnalazioni interventi odontoiatrici in convenzione

 

Risposta richiesta di accesso agli atti: risposta richiesta di accesso agli atti – cure odontoiatriche

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.