Il no a Dalpalù è un segnale da cogliere

Dopo la sfiducia incassata dal presidente Sait, nonché vicepresidente di Cooperazione Trentina, Renato Dalpalù, proprio dalla base sociale di Federcoop, pare evidente che la politica, ovvero la Divisione di Vigilanza, ovvero l’Assessore alla cooperazione, Tiziano  Mellarini, insomma, la Provincia, dovrà prendere atto che Renato Dalpalù non è l’uomo giusto al posto giusto.

Quando a fine mese si rinnoveranno le cariche sociali, varrà la pena non riproporre un personaggio che, oltre a inanellare incarichi di prestigio (anche ben remunerati), colleziona catastrofici errori gestionali che poi ricadono fatalmente sulla base, e colpiscono al cuore la cooperazione.

Improntato, evidentemente, ad altre logiche che rispondono più al dio mercato che non ai valori cooperativistici, il nostro presidente, ha per sorte un look molto somigliante a quel Agrusti di Itas di cui vogliamo dimenticarci presto, forse che certi personaggi si somigliano per una sorta di affinità elettiva con il sogno (di potere) che perseguono?

Comunque, basta vedere come il mercato interno Trentino sia man mano snobbato dal Sait a guida Dalpalù, per andare a speculare su prodotti da fuori che certo non corrispondono alla qualità e al “valore” di quelli della nostra terra. Sait, infatti, ha cominciato a eliminare i fornitori locali, i panifici, i produttori trentini di formaggi, di salumi, e quant’altro, condannando a morte di fatto i punti vendita dei paesi più piccoli, costringendo anche i produttori locali a lasciare a casa qualcuno, e tanti saluti all’occupazione e all’identità di quei borghi.

Questa volta la Provincia ascolti il segnale di malessere che viene dalla base e decida, magari dopo aver fatto una novena a don Lorenzo Guetti per trovare l’ispirazione giusta!

Cons. Claudio Cia

Esito dell'iniziativa

 

Comunicato inviato ai media locali il 16 maggio 2017.

 

 

 

 

L’articolo su “Agenzia giornalistica Opinione”: Sait e Cooperazione trentina, Cia: la sfiducia a Dalpalù è un segnale da cogliere

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.