Nuovo governo, antiche furbizie…

La nomina di un nuovo esecutivo nazionale in questo frangente era inevitabile, visto che ad oggi non esiste una legge elettorale condivisa che consenta ai cittadini di esprimere una rappresentanza che sia davvero frutto della loro scelta e non il risultato di machiavelliche operazioni che eludono la volontà popolare. E’ altresì auspicabile che questa norma debba favorire un’azione di governo certa per l’intera legislatura.

Il problema non nasce tanto da chi va a governare, ma nasce quando il governo che si forma è espressione di una maggioranza che non ha origine dall’esito della volontà popolare. Le vicende della politica italiana assomigliano sempre più a quelle delle squadre di calcio nostrane, con il Presidente della Repubblica che sembra diventare uno di quelli incontentabili presidenti di club che licenziano il tecnico ad ogni malumore per rimediare ai risultati poco soddisfacenti, mantenendo però inalterata la squadra.

Detto ciò ci auguriamo che il nuovo governo lavori celermente per raggiungere l’obiettivo della legge elettorale, senza eluderlo con manovre finalizzate più a soddisfare le speranze dei 608 tra deputati e senatori che, se si andasse al voto prima della metà di settembre 2017, perderebbero non solo la poltrona ma anche i contributi versati come parlamentari che consentirebbero loro di maturare una lauta pensione.

Ahimè, ho il sospetto che questo sia il tacito punto cardine del programma di governo, e sarà l’unica variabile che condizionerà la scelta di quando andare alle urne, perché i politici si rendono conto che potranno agire con furbizia proporzionalmente a quanto noi saremo disposti a fare i fessi. Dunque i cittadini dovranno ancora aspettare prima di vedersi sodisfatti nel loro diritto ad essere i veri sovrani della cosa pubblica, ci sono priorità che non possono capire… perché non riguardano i loro portafogli.

cons. Claudio Cia

Esito dell'iniziativa

 

Comunicato pubblicato il 13 dicembre 2016.

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.