Parco Adamello Brenta, Cia (AGIRE): il nervosismo del Presidente Masè non si spiega.

Leggo sconcertato le ultime dichiarazioni di Joseph Masé, Sindaco di Giustino e Presidente del Parco Adamello Brenta, sulla cronaca locale. Dopo che le mie interrogazioni sulle vicende decisamente opache attorno a questa istituzione si sono rivelate veritiere, il Presidente Masé non trova di meglio da fare che scadere nell’offesa, scrivendo, evidentemente riferendosi indirettamente al sottoscritto, di “frustrazione” e di “ricerca di visibilità”.

Il Parco è si un patrimonio del Trentino, come ha ben riportato Masè, ma non si approfitti di questo per usare l’immagine dell’Istituzione Parco come scudo personale. Nessuno ha attaccato “il Parco”, bensì si chiede trasparenza e onestà a chi amministra una pubblica istituzione.

Vorrei riportare alla memoria, che non fui io a minacciare a mezzo stampa di querelare chi aveva semplicemente poste delle domande alla Giunta provinciale di Trento sulla situazione dell’Ente Parco, questo in virtù, forse è bene ricordarlo, dei notevoli contributi della Provincia autonoma di Trento a questa istituzione. E’ noto che l’interrogazione è un semplice atto ispettivo che come Consigliere provinciale ho il diritto/dovere di portare avanti in seguito a qualunque tipo di segnalazione, con lo scopo di verificare e possibilmente correggere determinate disfunzioni nelle istituzioni provinciali, eppure c’è sempre qualche personaggio che vive questo come un atto di lesa maestà (si veda il recente episodio simile in quel di Cavedago…).

È ormai evidente che c’è una questione morale nelle Valli Giudicarie, questa volta non solo nella politica ma anche nella Pubblica amministrazione. Se così non fosse, il Presidente Masé e la giunta del Parco avrebbero avuto l’accortezza di rispettare il principio di trasparenza e di informare i cittadini delle vicende che stanno avvenendo all’interno del Parco Adamello Brenta. Si parla di conflitto di interessi e di danno erariale rilevato dalla Corte dei Conti, ed imputabile ai componenti la Giunta del Parco: una situazione confermata dallo stesso Presidente Masé. Non è chiaro quindi tutto questo nervosismo. Io attendo fiducioso una risposta dalla Giunta provinciale, qualcun altro attenderà l’esito degli approfondimenti della Procura.

Cons. Claudio Cia

 

L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 17 dicembre 2017:

Esito dell'iniziativa

 

Comunicato inviato ai media locali il 16 dicembre 2017.

 

 

 

 

L’articolo sul quotidiano “l’Adige”: Parco nella bufera: indagine su un incarico.

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Parco Adamello Brenta sotto inchiesta dalla Corte dei Conti.

 

 

 

 

L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 16 dicembre 2017:

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.