Possibili candidati Presidente del centrodestra trentino? Cia (AGIRE): “No a nomi dal Jurassic Park della politica”.

A tutto c’è un limite. Anche un movimento che ha dato prova di pazienza assoluta come “AGIRE per il Trentino”, ad un certo punto deve dire basta. Se è vero quanto si va dicendo, ovvero che c’è chi vedrebbe bene alla guida della coalizione del centrodestra autonomista nientemeno che Diego Schelfi (Presidente della Cooperazione Trentina dal 2003 al 2015), oppure Ilaria Vescovi o Mauro Fezzi, allora significa che siamo ancora in balia di personaggi della politica ancorati al passato. Se tale notizia dovesse rivelarsi veritiera è scontato che AGIRE non darà mai il suo benestare.

Evidentemente qualcuno deve ritenere che certi nomi possano orientare magicamente mondi complessi come il settore bancario, industriale e cooperativo, ma per una proposta di “cambiamento” credibile sarebbe quantomeno bizzarro porre alla guida del centrodestra autonomista chi ha sempre fatto parte del sistema che ha assicurato al centrosinistra il mantenimento dello status quo per decenni. Una proposta innaturale e irricevibile, che non possiamo permetterci di presentare al nostro elettorato.

AGIRE non solo conferma il proprio appoggio al Sottosegretario Maurizio Fugatti, che in questo momento sta dimostrando umiltà e correttezza, confermando ancora una volta la bontà della nostra scelta, ma ribadisce che nell’evenienza in cui si vogliano proporre alla presidenza della Provincia nomi presi dal Jurassic Park della politica, AGIRE andrà considerato estraneo a quella coalizione.

Siamo riusciti a creare un movimento di persone che guardano alla politica con rispetto e che non sono disposte a pagare qualunque prezzo per entrare in Consiglio provinciale. Fin dalla nostra nascita siamo stati l’unico movimento territoriale e civico ad essersi sempre dichiarato e schierato con il centrodestra, con l’obiettivo di scardinare l’incancrenimento provocato al nostro Trentino da decenni di politica del centrosinistra, e non possiamo permetterci di dissipare la coerenza che ci appartiene e che i cittadini già ci riconoscono.

Vale la pena spendersi per valori e principi senza i quali non vale la pena stare in politica!

Claudio Cia
Consigliere provinciale e coordinatore politico di AGIRE per il Trentino

 

L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 30 luglio 2018:

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.