Il Presidente Fugatti risponde a Claudio Cia (AGIRE) sugli immobili pubblici inutilizzati.

Nella precedente legislatura il consigliere provinciale Claudio Cia ha portato in evidenza in numerose occasioni il grande patrimonio di immobili inutilizzati di proprietà pubblica, un impegno che il rappresentante di AGIRE per il Trentino intende continuare a portare avanti anche ora che è in maggioranza.

In seguito a un sopralluogo avvenuto nel mese di febbraio presso l’ex Villa Rosa di Pergine, il consigliere ha presentato una nuova interrogazione nella quale chiedeva alla Giunta provinciale lo stato dell’arte del protocollo d’intesa tra Provincia e Comune di Pergine Valsugana del maggio 2017, che prevedeva il recupero della struttura (insieme all’ex Artigianelli a Susà di Pergine, già oggetto di interrogazioni dello stesso consigliere per via della “discutibile” permuta portata a compimento dalla precedente Giunta provinciale). A rispondere è direttamente il Presidente Fugatti, che comunica che per quanto riguarda il protocollo d’intesa “la Provincia sta valutando le problematiche relative all’iter procedurale finalizzato all’individuazione della Società di Gestione e Risparmio (SGR) alla quale saranno conferiti gli immobili da valorizzare”.

Il consigliere di AGIRE ha chiesto se sono note richieste da parte di soggetti privati interessati al recupero di immobili di proprietà della Provincia attualmente in disuso. Il Presidente Fugatti precisa che “alcuni soggetti privati hanno manifestato alla Provincia autonoma di Trento il loro interesse per il recupero di alcuni immobili di proprietà della Provincia al momento inutilizzati, in particolare per l’ex albergo Panorama a Sardagna, per la scuola professionale al Passo del Tonale (ex scuola per gli sport invernali), per la casa cantoniera di Riva del Garda lungo lago e per l’edificio ex Sanaclero a Romarzollo.”

Per quanto riguarda i costi degli ultimi 5 anni, richiesti da Cia in merito al mantenimento, sorveglianza, e messa in sicurezza degli immobili di proprietà della Provincia attualmente non utilizzati, viene allegata alla risposta una tabella che evidenzia come dal 2014 al 2018 la Provincia ha dovuto spendere mezzo milione di euro. Si va dai 94 mila euro per l’ex Panorama di Sardagna, ai 93 mila per l’ex Sanaclero di Romarzollo, dai 74 mila euro per l’ex Villa Rosa ai 51 mila per casa Moggioli di via Grazioli, oppure dai 40 mila euro per l’ex Macera di Levico ai 36 mila per l’ex scuola per gli sport invernali al Tonale.

La Giunta ha risposto inoltre positivamente alla sollecitazione di Cia, che chiedeva se l’attuale governo provinciale non ritenga prioritario, dopo decenni di realizzazioni di nuove strutture “e altrettanti abbandoni” avere un ruolo propulsivo nella razionalizzazione degli immobili di proprietà pubblica attualmente non utilizzati o che necessitano di ingenti investimenti per la loro necessaria funzionalità.

Cons. Claudio Cia

 

L’articolo sul quotidiano “Trentino” dell’1 luglio 2019:
L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 7 luglio 2019:

Esito dell'iniziativa

 

Comunicato inviato ai media locali l’1 luglio 2019.

 

 

 

L’interrogazione e la risposta ufficiale: Ex Villa Rosa ed ex Artigianelli, a che punto è l’iter del protocollo d’intesa tra Provincia e Comune per il recupero delle strutture?

 

 

 

 

L’articolo sul quotidiano “Trentino” online: 120milioni di immobili cadenti: il patrimonio inutilizzato della Provincia

 

 

L’articolo su “Gazzetta delle Valli”: Immobili pubblici inutilizzati in Trentino: il Presidente Fugatti risponde a Cia

 

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.