​​ ​​La Provincia risponde sull’alveo in secca del torrente ​Ceggio​ (Valsugana).​

​”Ceggio, torrente fatto sparire dall’uomo?”​, era il titolo dell’interrogazione provinciale presentata dal consigliere Claudio Cia nel novembre 2017, al quale arriva ora la risposta dell’Assessore Gilmozzi. Il consigliere di “AGIRE per il Trentino” evidenziava come in prossimità del parco giochi di Telve Valsugana e in tutto il comune attraversato, a prescindere dall’annata siccitosa, il letto del torrente Ceggio è sempre asciutto, salvo nei periodi di eccesso idrico dovuto alle precipitazioni atmosferiche.

Cia ipotizzava che il tutto fosse dovuto all’utilizzo dell’acqua del torrente Ceggio nell’alimentazione della centrale idroelettrica di Carzano: dalla località Berti nel Comune di Torcegno, l’acqua del torrente viene infatti deviata nel bacino ex Enel di Pontarso, Comune di Telve, e da qui convogliata per alimentare la centrale idroelettrica. «Invece di essere restituita allo stesso torrente – scriveva nella sua premessa il consigliere –, pare che l’acqua venga immessa poi nel torrente Maso che, passando tra i Comuni di Carzano e Scurelle, si immette nel fiume Brenta lasciando così a secco il tratto del Ceggio sottostante il punto di prelievo».

Da qui la richiesta alla Giunta provinciale per sapere se è previsto un deflusso minimo vitale per il torrente Ceggio ​, visto che negli ultimi anni è stata data molta importanza al concetto di “deflusso minimo vitale” (DMV) nei corsi d’acqua, a valle delle derivazioni idriche esistenti, infatti un minimo di quantitativo d’acqua deve essere garantito per motivi ambientali (fauna, flora ed immagine paesaggistica). L’Assessore Gilmozzi spiega che ​ «Per quanto riguarda la grande derivazione idroelettrica di Carzano (concessionario HDE srl) il DMV da rilasciare in corrispondenza dell’opera di presa sul torrente Ceggio è stabilito nella misura fissata dal PGUAP, con valori compresi tra i 96 ed i 135 l/s nell’arco dell’anno».​

Sullo stato descritto, circa lo stato del letto del torrente Ceggio presso il Comune di Telve Valsugana Cia chiedeva un parere della Provincia sui danni ambientali, e Gilmozzi risponde che «Il torrente Ceggio, a causa della permeabilità dei substrati dell’alveo in alcuni tratti, posti in prossimità di Torcegno e, nel tratto adiacente all’abitato di Telve, nei periodi idrologici di magra risulta asciutto, ma non è possibile valutare gli eventuali danni ambientali arrecati e, non è possibile imputare tali danni a chi utilizza l’acqua attuando il rispetto delle prescrizioni impartite, tra le quali rientra anche l’obbligo del rilascio del deflusso minimo vitale».​

Il consigliere Claudio Cia chiedeva inoltre come si intende intervenire per ripristinare il deflusso minimo vitale del torrente Ceggio. Su questo l’Assessore è più aperto, e risponde che «per ripristinare un deflusso continuo nel torrente Ceggio, fatta salva la disponibilità idrica del corso d’acqua, si possono assumere provvedimenti di varia natura, sia di natura temporanea, quale l’incremento dei valori di DMV (ex art. 11, comma 4 delle norme di attuazione del PGUAP) sia definitiva, diminuendo i quantitativi oggetto di concessione al momento della riassegnazione della grande concessione idroelettrica e/o del rinnovo delle altre concessioni che prelevano acqua dal torrente stesso».

L’acqua sottratta dal torrente Ceggio, fatto salvo quanto restituito in alveo come deflusso minimo vitale, viene addotta alla centrale di Carzano e quindi restituita nel torrente Maso: tale concessione è stata rilasciata dallo Stato italiano (R.D. 8/8/1940, n. 4408) ed ha scadenza al 31 dicembre 2020, o comunque fino all’espletamento delle gare per la riassegnazione della relativa concessione, da completare entro il 31 dicembre 2022.

 

L’articolo sul quotidiano “Trentino” del 3 marzo 2018:

Esito dell'iniziativa

 

Comunicato inviato ai media locali il 28 febbraio 2018.

 

 

L’interrogazione e la risposta completa: Ceggio: torrente fatto sparire dall’uomo?

 

 

 

L’articolo sul “Trentino” online: Ceggio in secca, poche soluzioni.

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.