Pubblicità per il trilinguismo nei cinema trentini… qual è il senso?

In questi giorni chi si reca nelle sale cinematografiche del Trentino è costretto a seguire, nell’usuale spazio pubblicitario che precede la proiezione cinematografica, uno spot che promuove il trilinguismo.

Nel buio della sala parte la musica di sottofondo nostalgica. Un bambino in calzini passeggia per il soggiorno e arriva davanti ad un alta scaffalatura. Vorrebbe raggiungere l’anta più alta dell’armadio, dove chi assiste non sa quale oggetto misterioso vi sia custodito. Allora il bimbo prende dallo scaffale più basso il vocabolario di italiano, lo mette per terra e ci sale sopra per usarlo come scalino… ma ancora non riesce a raggiungere l’anta. Così scende e recupera anche il vocabolario di inglese che appoggia sopra a quello di italiano. Ci sale sopra ma ancora niente, dovrà salire più in alto. Così prende anche il vocabolario di tedesco e lo impila sopra a quelli di italiano ed inglese e a rischio di scivolare rompendosi l’osso del collo riesce con difficoltà a raggiungere l’anta dell’armadio e ad aprirla. Al suo interno è custodito un mappamondo. Riesce finalmente a prenderlo ed ecco che una voce rassicurante ci dice che: «Con tre lingue il mondo è più bello». Appare infine la scritta www.trilinguismo.provincia.tn.it.

Probabilmente dovrà seguire uno spot riguardante l’infortunistica sul lavoro, invitando i giovani trentini a non seguire l’esempio del giovane trilinguista…

Visto che si parla di un progetto scolastico già avviato e non di un particolare prodotto, come ad esempio potrebbe essere un corso di lingua straniera, per il quale si capirebbe lo scopo di uno spazio pubblicitario, viene da chiedersi quale sia il senso della pubblicità in questione.

Premesso quanto sopra, si interroga il Presidente della Giunta provinciale per sapere:

1. quali pubblicità sono state predisposte per promuovere il trilinguismo all’interno del territorio provinciale e a chi sono state commissionate;
2. qual è l’obiettivo di tali spot all’interno del territorio provinciale;
3. quanto sono costate le pubblicità che promuovono il trilinguismo all’interno del territorio provinciale;
4. che ritorno quantificabile è previsto per la Provincia di Trento.

A norma di regolamento, si chiede risposta scritta.

Cons. Claudio Cia

Esito dell'iniziativa

 

Interrogazione depositata il 10 novembre 2015. L’iter sul sito del Consiglio provinciale: interrogazione n. 2350/XV

 

Risposta ricevuta il 12 febbraio 2016:

 

risposta pubblicità trilinguismo

 

allegato risposta 

 

 

 

La pubblicità nei cinema:

 

 

 

 

L’articolo su “Secolo Trentino”: Pubblicità per il trilinguismo nei cinema trentini

 

 

Gli articoli con la risposta all’interrogazione: Per gli spot del trilinguismo spesi 37.934 euro

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.