ospedale - nido - punti nascita

Punti nascita? Decidano i cittadini delle valli.

Sulla questione dei punti nascita periferici interviene anche il consigliere provinciale di maggioranza Claudio Cia. Che tra il territoriale, il politico e il sanitario, commenta:

«Il tema è indubbiamente cruciale per una gestione autenticamente autonomista del nostro territorio: la maggioranza della popolazione trentina non risiede nei centri urbani, ma è proprio grazie alla qualità dei servizi pubblici mantenuti sul territorio che molti scelgono di rimanere. È importante ricordare che i cittadini delle valli pagano le tasse esattamente come quelli dei centri urbani, nonostante affrontino maggiori disagi. Pertanto, non sorprende chi evidenzia che i costi per ogni nascita nelle valli siano superiori rispetto alle città. Quello che è meno ovvio è la polemica da parte di coloro che, pur facendo parte nominalmente della maggioranza di governo in Trentino (il riferimento è alla vicepresidente Francesca Gerosa ndr), ottengono il loro consenso principalmente al di fuori dei maggiori centri urbani eppure sembrano allinearsi con la minoranza, che trova consenso nelle Zone a Traffico Limitato (ZTL). È sorprendente notare la subalternità di FdI, che ha ottenuto un significativo consenso proprio nelle valli (Val di Non primo partito con il 19,9%, Val di Sole oltre il 23%), ma che sembra seguire la retorica del PD. Certamente, in un’ottica di risparmio sarebbe più logico e semplice centralizzare tutto, ma è qui che si evidenzia la differenza tra il politico-statista e il ragioniere. Siano i cittadini più svantaggiati e le loro comunità, a indicarci le priorità. Infine, è stucchevole sentire politici motivare la chiusura dei punti nascita perché sono tenuti aperti dai medici gettonisti. Se questo è il principio, allora dovremo prepararci a chiudere anche molti altri servizi sanitari, compreso il pronto soccorso del Santa Chiara».

 

L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 29 aprile 2024:

Esito dell'iniziativa

 

Intervista del quotidiano “l’Adige” del 29 aprile 2024.

 

 

 

L’intervista su Trentino TV:

 

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.