Referendum del 17 aprile, un’occasione per scegliere senza intermediari

Domenica 17 aprile si terrà il referendum che propone l’abrogazione della norma che concede di protrarre le concessioni per estrarre idrocarburi, entro 12 miglia nautiche dalla costa italiana, sino all’esaurimento della vita utile dei rispettivi giacimenti. Se il referendum approverà l’abrogazione, le concessioni giungeranno alla scadenza prevista senza poter essere rinnovate ulteriormente.

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, colui che alle inutili primarie del Pd esorta tutti ad andare a votare per non lasciare il futuro agli altri, ha invitato i cittadini italiani ad astenersi per impedire il raggiungimento del quorum, dichiarando inoltre il referendum uno spreco di denaro. Semplicemente deplorevole, mai sentito dirgli la parola “spreco” per i benefit elargiti ai politici.

In casa nostra posizioni più soft e, pur dichiarando la propria astensione, il senatore Panizza ha riferito che la consultazione «non riguarda il Trentino», come se la politica energetica nazionale non ci toccasse e come se quel piccolo margine di eccedenza idroelettrica che oggi abbiamo ci garantisca l’autarchia energetica. È stimato che a causa dei cambiamenti climatici entro il 2030 avremo una riduzione del 7% della produzione idroelettrica ed entro il 2050 del 22%. Cosa faremo allora? Ci alimenteremo con i dividendi di Dolomiti Energia? Cercheremo uranio sui confini del Tirolo storico?

Io andrò a votare perché nel referendum non devo ringalluzzire un partito piuttosto che un altro o premiare personaggi nei quali non mi riconosco. Il processo democratico tramite il referendum si svolge senza intermediari, il mio pensiero non ha interpreti, la mia volontà non è appaltata ad altri. Se non partecipo attivamente non posso accusare nessuno di essere stato defraudato del diritto di essere ascoltato, o lasciato in balia delle decisioni di politici che, in nome del mandato popolare, usano la democrazia per sdoganare le proprie porcate. Olof Palme ci rammenta che “I diritti della democrazia non sono riservati ad un ristretto gruppo all’interno della società. Sono i diritti di tutte le persone”. Votiamo possibilmente informati, ma votiamo.

Al di là delle questioni meramente “tecniche” il referendum è una occasione collettiva per decidere insieme se andare oltre lo status-quo. Io sosterrò il fronte del sì per dire che le risorse naturali non possono essere sfruttate senza scadenze certe e lasciate in balia di logiche speculative. Un piccolo grande contributo per puntare a una politica energetica alternativa e orientata al futuro.

Claudio Cia

L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 14 aprile 2016:

Referendum, maggioranza divisa

Esito dell'iniziativa

 

INFORMAZIONI:

 

domenica urne aperte dalle 7 alle 23, per votare serve un documento di identità valido e la tessera elettorale. Controllate il sito del vostro Comune per maggiori informazioni. Qui la pagina del Comune di Trento: REFERENDUM 17 APRILE

 

 

PER INFORMARSI:

 

personalmente consiglio la pagina su Wikipedia, con indicazioni brevi e obiettive e alcuni dati interessanti: REFERENDUM 17 APRILE

 

 

IL QUESITO:

 

Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208, “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale”?

 

 

 

L’articolo su “Secolo Trentino”: Referendum, Claudio Cia per il sì: per scegliere senza intermediari.

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Trivelle sì, trivelle no. Oggi tutti alle urne per votare il nostro futuro.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.