Scuola trentina: la gestione fallimentare di Rossi e le promesse non mantenute nella prossima finanziaria.

«Dopo quattro anni di governo con delega alla scuola, dopo infinite richieste di confronto su temi cruciali, dopo tante manifestazioni di dissenso dei docenti sotto lo stesso palazzo della Provincia, dopo agguerrite battaglie giudiziarie per contestare le scelte in campo scolastico, dopo un procedimento giudiziario che ha visto commissariati gli uffici scolastici provinciali per la prima volta nella storia dell’autonomia Trentina, dopo un impegno con tanto di documento assunto al tavolo delle trattative il Presidente assessore si presenta con un topolino partorito dalla montagna» –  ha esordito così Mauro Pericolo segretario del sindacato autonomo Delsa durante la conferenza stampa tenutasi oggi presso il Palazzo della regione di piazza Dante Trento al tavolo con i consiglieri Claudio Cia, Giacomo Bezzi e Giulia Zanotelli in rappresentanza della Lega Nord.

«Vogliamo sapere che cosa sta facendo l’amministrazione per il sistema scolastico trentino e per quale motivo non vuole riconoscere il dramma del precariato, e stiamo parlando di un migliaio di docenti» – questa è solo una delle domande che il segretario del sindacato Delsa  Mauro Pericolo ha posto al governatore Ugo Rossi che detiene le deleghe sulla scuola all’interno della Giunta. «Ugo Rossi aveva promesso di regolare e modificare le norma di attuazione per così gestire in maniera straordinaria il mondo della scuola trentina, ma queste sono rimaste tali» – In poche parole Mauro Pericolo chiede alla giunta di svegliarsi e cominciare a gestire la scuola direttamente dal Trentino e non da Roma.

Per numerose volte il segretario Delsa ha tracciato la grande differenza nella gestione della scuola fra Bolzano e la nostra provincia. «Perché lo Stato ha legittimato Bolzano a gestire la scuola ed invece Trento deve dipendere dal governo Romano»? – ha domandato ancora a Rossi. Richiesta legittima visto che la differenza solo nelle buste paga con Bolzano per i docenti sfiora i 600 euro mensili. Come è possibile che due entità che traggono la loro origine dal medesimo atto normativo, cioè lo statuto del Trentino Alto Adige vadano a realizzare delle differenze così importanti e  sensibili nell’ambito della scuola sia dal punto di vista economico e qualitativo? – si chiede anche Pericolo durante la conferenza stampa.

Fin da subito il bersaglio del segretario Delsa è stato il governatore Ugo Rossi, «È stato assessore della sanità e alla scuola – ha detto Pericolo – e dove è passato lui non cresce più nemmeno un filo d’erba». Ma il segretario del sindacato Delsa ha sottolineato come sotto il profilo contrattuale le differenze siano troppe ed inaccettabili. «Basta confrontare i cedolini dello stipendio di insegnanti dello stesso profilo e già il messaggio è chiaro. Per non parlare poi della condizione del precariato trentino sottoposto a regolamenti e circolari bulgare».

«Nel meccanismo trentino  – aggiunge Pericolo  – vedo purtroppo la volontà politica di allinearsi con il governo romano del PD, e questo per la scuola trentina è l’inizio di tutti i mali. In Trentino oggi  abbiamo un’autonomia che non rispetta le sentenze delle istituzioni, vedi consiglio di Stato, e si allinea al sistema politico a seconda dei fini e di chi lo gestisce. Non riusciamo più ad avere giustizia». – e in quest’ultima frase Mauro Pericolo ricorda le 4 ordinanze favorevoli al Sindacato Delsa e il commissariamento della Scuola Trentina, per ora congelato, ma su cui il consiglio di Stato si pronuncerà alla fine di Gennaio 2018.

Pericolo contesta le riforme al sistema scolastico proposte da Rossi in finanziaria considerandole aria fritta rispetto sia ai bisogni reali della scuola trentina sia dal punto di vista degli utenti che dei docenti. «Ricordo che l’assessore – afferma Pericolo – dopo l’udienza per la conferma o la chiusura del procedimento commissariale presso il Consiglio di Stato , alla cui riconferma noi abbiamo rinunciato per il bene dei ragazzi, si era impegnato ad un tavolo di confronto ad avviare un procedimento di riforma delle norme di attuazione che portassero poi alla stabilizzazione del personale scolastico trentino con più di tre anni di servizio» .

Ugo Rossi in quell’ambito aveva promesso di modificare l’articolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica 15 luglio 1988, n. 405  (Norme di attuazione dello statuto speciale della Regione Trentino – Alto Adige in materia di ordinamento scolastico in provincia di Trento) cioè inserire la possibilità per i bandi di concorso di riservare fino al 50 per cento dei posti messi a concorso ai docenti che abbiano prestato servizio nelle scuole provinciali a carattere statale di ogni ordine e grado con continuità all’interno di periodi definiti dalla Medesima legge provinciale.

Nella relazione illustrativa Rossi a suo tempo promise anche di  modificare le norme di attuazione in materia di ordinamento scolastico e più precisamente la disciplina inerente il reclutamento del personale docente nelle istituzioni scolastiche e formative provinciali al fine di coniugare le esigenze di stabilizzazione dei docenti in ambito nazionale con le medesime esigenze della Provincia autonoma di Trento.

«In entrambi i casi sono previsti dei limiti di assunzione per la stabilizzazione dei precari (50 per cento) in modo da rendere la disposizione coerente con le norme statali già approvate in passato in materia di stabilizzazioni. Oggi a distanza di stanza di otto mesi da quell’incontro si presenta con una piccola modifica alla legge sulla buona scuola trentina che non solo rischia per ragioni tecniche di essere soggetta ad impugnativa non avendo ricevuto una esplicita delega dal parlamento, ma non somiglia nemmeno lontanamente a quanto realizzato da Bolzano» – dichiara ancora Mauro Pericolo.

«Possiamo dire con assoluta cognizione di causa  – conclude Mauro Pericolo – che Rossi e l’amministrazione che lo sostiene da 4 anni non sono stati in grado di mantenere gli impegni assunti con i cittadini e oggi non possiamo più permetterci politici di così scarsa serietà. Oggi quindi l’unica soluzione possibile è un impegno normativo e finanziario della Provincia Autonoma di Trento di applicare direttamente e pedissequamente la direttiva europea 70/99 che impone il divieto dell’abuso reiterato di contratti a termine. Pertanto rafforzerò il mio impegno di lottare sindacalmente, giudizialmente (se dovesse occorrere anche davanti alla Corte Europea) e da oggi anche politicamente per cambiare questo sistema di cose».

A margine della conferenza stampa il consigliere provinciale Giacomo Bezzi ha dichiarato: «In 4 anni il centro sinistra Trentino ha confermato di non riuscire a governare e gestire il progetto scuola. Era partito bene con il Trilinguismo, poi affossato per incapacità nell’organizzazione del processo. Poi si è fatto commissariare, è stato incapace di gestire il progetto della scuola Montessori,  insomma  – ha concluso ironicamente Bezzi – sostanzialmente se a livello nazionale ha fatto «la mala scuola», in Trentino c’è stata la «Malissima e fallimentare scuola», poi rimane anche un fatto; la provincia di Trento da 4 anni è senza un vero assessore dell’istruzione e quello che c’è non ha le competenze e  capacità per farlo e così siamo arrivati al fallimento della scuola trentina»

Per nulla tenera anche Giulia Zanotelli consigliere della Lega Nord di Cles, «La gestione della scuola Trentina da parte di Ugo Rossi si è rivelata fallimentare aggravando ancora di più la situazione del precariato». «Ma che la scuola della nostra provincia – ha terminato Zanotelli –  sia ormai drammatica lo dimostrano i dati che parlano di una vera e propria fuga dalle nostre scuole.

 

Il video completo della conferenza stampa:

 

Esito dell'iniziativa

 

Il resoconto della conferenza stampa del 28 novembre 2017.

 

 

 

Il servizio di “Trentino TV”:

 

 

 

Le foto della conferenza stampa:

 

 

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Scuola Trentina, sindacato Delsa, gestione fallimentare da parte di Ugo Rossi.

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Impegno politico per migliorare la scuola trentina: Mauro Pericolo scende in campo con AGIRE per il Trentino.

 

 

 

L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 29 novembre 2017:

 

 

 

L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 29 novembre 2017:

 

 

 

 

Gli emendamenti specifici sulla scuola presentanti in occasione della discussione della legge di stabilità provinciale (disegno di legge 223):

 

emendamento 188

votazione emendamento 188

 

emandamento 200

votazione emendamento 200

 

emendamento 201

votazione emendamento 201

 

 

 

Il confronto su Facebook per smentire alcune interpretazioni del collega consigliere Civettini:

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.