Servizi aggiuntivi al cimitero monumentale

La superficie cimiteriale, calcolata in circa 47 mila mq, è affidata all’opera dei necrofori che, con apprezzabile dedizione, curano la sacralità e il decoro di questo luogo. Quanti hanno modo di frequentarlo, toccano con mano la delicatezza con cui queste persone si rapportano con il dolore, la nostalgia e la speranza di chi ha lo sguardo rivolto ad un affetto e ad un tempo che ora sono avvolti dalla terra.

Questo  patrimonio  di  rapporti  rischia  di  essere inconsapevolmente  danneggiato  da  quanti, certamente senza dolo, si rivolgono ai suddetti operatori chiedendo loro un supplemento di attenzione per una cura più personalizzata della tomba dei propri cari (cambio periodico di lumini e/o  fiori,  pulizia  meticolosa  della  lapide,  apposizione  di  ghiaino  lungo  il perimetro,  ecc…), garantendo ad essi un compenso volontario, la classica mancia. Il più delle volte i richiedenti sono persone che, per vari motivi, non hanno la possibilità di dedicarsi direttamente e con continuità a questa ulteriore manifestazione di vicinanza al proprio defunto.

In tale contesto di attenzione ai sentimenti, l’operatore si trova così a dover scegliere tra il disagio di negare una risposta ad un bisogno reale e l’assecondare una richiesta che poi, inevitabilmente, lo vedrà impegnato durante l’orario di servizio. Tutto ciò finisce per innescare una serie di malintesi del tipo “lavoro in nero”, “guadagno indebito”, “intervento non autorizzato”, ecc… che cozza contro la disponibilità degli operatori ed il loro agire danneggiando, di conseguenza, l’immagine dell’intero Servizio Funerario. Al riguardo sono giunte allo scrivente alcune segnalazioni che intendono evidenziare, anche con accenti critici, l’esistenza di tale problematica.

Premesso quanto sopra i sottoscritti consiglieri propongono al Consiglio Comunale di impegnare il signor Sindaco:

  • a non ignorare la richiesta di molte persone di poter avere, oltre alla manutenzione ordinaria già garantita di suo alla sede cimiteriale, un supplemento di attenzione per una cura più personalizzata della “propria” tomba;
  • a  intervenire  e  soddisfare  tale  esigenza  istituendo  per  questo  un  servizio  ad  hoc, regolamentato ed a pagamento, curato dallo stesso Servizio Funerario o, al limite, dato in gestione a terzi in convenzione con lo stesso.

Questo creerebbe nuove opportunità di lavoro ed eviterebbe di inficiare l’opera meritevole di quanti attualmente svolgono il loro servizio presso il Cimitero Monumentale di Trento.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.