Solidarietà internazionale, il conto sale a quasi 5 milioni. Perplessità sui viaggi di “controllo”

Con deliberazione della Giunta provinciale n.2292 del 11 dicembre 2015, proposta dall’Assessore provinciale alla cooperazione allo sviluppo, si finanziano progetti di solidarietà internazionale da realizzare in varie parti del mondo per un impegno di spesa di Euro 1.549.662,17 per l’anno 2015, di Euro 486.520,00 per l’anno 2016 e di Euro 310.335,00 per l’anno 2017, che in totale ammonta a Euro 2.346.517,17.

Con successiva determinazione n.18 di data 01 febbraio 2016 del dirigente del Servizio Emigrazione e Solidarietà Internazionale, che dal 01 aprile 2016 assume la denominazione di Servizio Attività Internazionali, si assume un ulteriore impegno di spesa di complessivi Euro 2.543.776,00 da ripartire fra gli anni 2016, 2017 e 2018 finanziando altri e nuovi progetti di solidarietà internazionale.

Riguardo agli atti amministrativi sopra citati che definiscono lo stanziamento ed inoltre al complessivo impegno di spesa di Euro 4.890.283,17 sorge un primo immediato interrogativo e ci si chiede come mai Euro 2.346.517,17 siano stati stanziati con deliberazione della Giunta provinciale, mentre una spesa ancora più alta di Euro 2.543.766,00 siano stati impegnati con la sola determinazione del dirigente.

In pratica fra gli anni 2015 e 2018 il Servizio Attività Internazionali eroga contributi a più organismi di cooperazione internazionale per un totale di Euro 4.890.283,17, una somma ingente di denaro pubblico trentino che esige necessariamente il controllo accurato circa il reale impiego nella realizzazione effettiva dei progetti di solidarietà internazionale ammessi a contributo, corredata di adeguata e trasparente documentazione agli atti facilmente consultabile da ogni Consigliere provinciale che ne faccia richiesta.

Premesso quanto sopra, si interroga la Giunta provinciale per sapere:

  1. per quale motivo l’impegno di spesa per la realizzazione dei progetti di solidarietà internazionale finanziati per gli anni 2015, 2016, 2017 ed ammontante a Euro 2.346.517,17 sia stato assunto con deliberazione della Giunta provinciale n.2292 del 11 dicembre 2015, mentre il successivo impegno di spesa anch’esso riguardante la realizzazione di progetti di solidarietà internazionale per gli anni 2016, 2017, 2018 ammontante a Euro 2.543.766,00 sia oggetto di sola determinazione del dirigente;
  2. se la sola determinazione del dirigente per un impegno di spesa così consistente e addirittura più alto di quello stabilito con deliberazione della Giunta provinciale, sia legittimo e rientrante nelle competenze del dirigente oppure eccedente le competenze del dirigente;
  3. considerato il lungo elenco dei progetti di solidarietà internazionale ammessi a contributo e la cui realizzazione è individuata in più parti del mondo, come si preveda di poterne verificare e controllare il corretto utilizzo secondo le finalità precisate, con quali criteri, da chi ed entro quali termini di tempo;
  4. se siano stati effettuati specifici controlli con riferimento ai progetti finanziati per gli anni 2015 e 2016, con quali risultati, se al riguardo sia disponibile la relativa documentazione e dove sia reperibile;
  5. se corrisponda al vero che l’Assessora alla cooperazione allo sviluppo abbia effettuato una visita di controllo in Uganda, accompagnata dall’attuale direttore del Servizio Attività Internazionali prima che a questi fosse conferito l’incarico, quanto sia costata questa visita e quale esito tale controllo abbia avuto;
  6. se i progetti realizzati in Uganda coinvolgessero la direttrice ACAV attualmente in carica, nonché esponente di spicco del Partito Democratico Trentino, e per quali progetti nello specifico;
  7. se corrisponda al vero che l’attuale direttore del Servizio Attività Internazionali abbia ottenuto l’accesso all’incarico in assenza di concorso. Nel caso affermativo come sia stato reso possibile.

A norma di regolamento, si chiede risposta scritta.

Cons. Claudio Cia

 

L’articolo sul quotidiano “Trentino” del 3 luglio 2016:

Cia: controllare i progetti di solidarietà

Esito dell'iniziativa

 

Interrogazione a risposta scritta presentata il 4 luglio 2016. L’iter sul sito del Consiglio provinciale: interrogazione n. 3282/XV

 

Risposta ricevuta il 29 marzo 2017: risposta interrogazione 3282 – solidarietà internazionale

 

 

 

 

L’articolo sul quotidiano “Trentino”: Cia: controllare i progetti di solidarietà internazionale

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.