Stazione dei treni: 5 milioni di passaggi l’anno, ma si chiude il punto informativo

Il movimento passeggeri annuo nella stazione ferroviaria di Trento è stimato in circa 5 milioni di viaggiatori l’anno. Un numero importante, ma si decide comunque di chiudere nel periodo estivo il punto informativo per turisti e passeggeri di Trentino Trasporti.  È lo stesso assessore provinciale, Mauro Gilmozzi, a comunicare il dato sui passaggi annuali nella risposta ad una interrogazione che il consigliere provinciale Claudio Cia (AGIRE), aveva presentato in merito al degrado e ai disservizi del principale snodo ferroviario del capoluogo.

La novità, la chiusura estiva del “chiosco” informativo, non fa altro che peggiorare la situazione e stride con i roboanti annunci di imminenti restyling e migliorie dell’edificio, annunciati di recente. Possibile che in piena estate, con l’arrivo di turisti in città, si decida di chiudere l’unico punto informativo cui l’utenza può chiedere informazioni sulle corse urbane degli autobus, proprio nei pressi del principale nodo di transito degli stessi?

La domanda è purtroppo retorica, giacché conosciamo già la risposta. Che è affermativa: possibile che Trentino Trasporti, dalle informazioni e dalle lamentele che abbiamo ricevuto, abbia scelto di chiudere il chiosco alla stazione dei treni, creando disservizi. Il chiosco, peraltro, oltre ad essere un importante presidio informativo e, è anche un fondamentale riferimento per la perdita di oggetti smarritti. Capita spesso, infatti, che i passeggeri perdano oggetti personali e di valore che, quando vengono ritrovate, vengono generalmente consegnate proprio presso il chiosco di Trentino Trasporti.

Sulla questione registriamo anche la presa di posizione della Uil del Trentino, che sottolinea come i “tanti turisti diretti nelle valli che scendono dai treni ottengono gran parte delle informazioni dal personale del chiosco il quale, in genere, li indirizza o alla stazione degli autobus o alla Trento Malè”. Come si nota, quindi, la situazione è paradossale: chi ha deciso di chiudere in piena stagione turistica un presidio così importante, per giunta collocato nella stazione ferroviaria del capoluogo, primo luogo che incontrano i viaggiatori appena scesi dal treno giunto in città?

cons. Claudio Cia

 

L’articolo sul quotitidiano “l’Adige” del 30 agosto 2016:

Stazione, chiosco chiuso è polemica

Esito dell'iniziativa

 

Lettera inviata ai quotidiani locali il 29 agosto 2016.

 

 

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Stazione dei treni: 5 milioni di passaggi, ma si chiude il chiosco informativo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.