Studenti utilizzati come paggi alla corte dell’Assessore, in visita nel suo feudo?

Gli studenti delle Valli del Noce presso il Centro di Formazione Professionale Enaip Alberghiero e Ristorazione di Ossana, nella sede di Cusiano, hanno di recente potuto implementare il loro curriculum formativo come operatori e tecnici del settore della gastronomia-arte bianca, e dell’accoglienza e ospitalità, accogliendo presso di loro il già pluricandidato sindaco di Vermiglio, Carlo Daldoss.

L’esperienza irrinunciabile è stata quella del World Café, una metodologia che s’ispira ai vecchi caffè di un tempo (tutta un’altra cosa dall’Hofbräuhaus, la celebre birreria di Monaco di Baviera dove trovò la ribalta la magnetica arte oratoria di Adolf Hitler), dove si cerca di creare un ambiente di lavoro che inviti i partecipanti a una discussione libera e appassionata.

Nell’occasione, i poveri studenti, non sono stati chiamati a partecipare attivamente alla discussione, piuttosto hanno servito ai tavoli, camerieri di amministratori locali e sindaci, rappresentanti di associazioni ed enti del territorio, mentre questi studiavano (e sognavano) il modo di spartirsi le risorse disponibili dal fondo strategico provinciale, poco più di 2 milioni di euro.

Una bella lezione per i camerieri che si sono resi conto di prima mano che cosa sia la nuova politica che avanza. Il nostro grande Carlo, ha pensato bene di utilizzare una struttura pubblica scolastica per coinvolgere tutte le amministrazioni locali, per poter scegliere quale buca nel selciato di quale comune andrà a coprire, dovendo decidere entro il 31 dicembre 2016. Intanto si fa la sua bella campagna elettorale nel ruolo di Assessore tecnico e, pare, a spese della Provincia, sfruttando pure il lavoro non retribuito di quelli studenti, i quali, a fine serata, hanno manifestato i bisogni fisiologici di tutti gli adolescenti in crescita: hanno avuto fame. Ops! Il nostro Daldoss si era scordato che anche loro mangiano, non certo come i politici, ma mangiano! Nessuno scandalo. Soprattutto in quella valle ci si aspetta una certa deferenza verso l’assessore, tanto buono e famoso. Ma viene da chiedersi: quanto costa ai cittadini tutto questo? E l’assessore paga qualcosa di tasca sua?

Premesso quanto sopra, si interroga la Giunta provinciale per sapere:

  1. chi ha autorizzato l’uso di una struttura scolastica per iniziative politiche
  2. chi ha disposto la presenza dei giovani allievi al servizio di Daldoss fino alle 22:30
  3. quanti sono stati i studenti intervenuti al World Café e quanti di questi risultano minorenni
  4. a quanto ammonta la spesa sostenuta per il World Café e a chi è addebitata

A norma di regolamento, si chiede risposta scritta.

Cons. Claudio Cia

Cons. Maurizio Fugatti

Cons. Manuela Bottamedi

L’articolo sul quotidiano “Trentino” dell’1 dicembre 2016:

Daldoss si fa servire dagli studenti

Esito dell'iniziativa

 

Interrogazione a risposta scritta presentata il 30 novembre 2016. L’iter sul sito del Consiglio provinciale: interrogazione n. 3859/XV

 

Risposta ricevuta il 27 febbraio 2017: risposta interrogazione 3859 – studenti al word cafè

 

 

 

 

La vignetta di Domenico la Cava:

 

uovadue

 

 

 

 

L’articolo su “Edicolando”: Studenti utilizzati come paggi alla corte dell’Assessore, in visita nel suo feudo?

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.