Volantini anonimi in Val di Sole sulla “parentopoli” nell’APT, messaggio forte per la politica

Apprendo che negli scorsi giorni anonimi hanno affisso a Malè e in altri paesi della Val di Sole volantini nella quale viene citata la mia interrogazione nella quale chiedevo trasparenza alla Giunta provinciale con l’elenco dei nominativi dei dipendenti dell’APT Val di Sole e del Comitato Grandi Eventi, con indicati gli incarichi, i compensi e le modalità di selezione. Questo in virtù degli 1,7 milioni di euro di contributi della Provincia erogati ogni anno in media.

L’interrogazione e una successiva richiesta di accesso atti non hanno avuto risposta dall’Assessore Dallapiccola, o meglio, la risposta è stata che le informazioni richieste non sarebbero di competenza della Provincia. Dove non è arrivato l’Assessore Dallapiccola sono arrivati evidentemente gli anonimi redattori del volantino, che riportano alcuni nomi e cognomi (tra cui quelli dell’assessore provinciale Carlo Daldoss) corredandoli pure di foto e alcuni probabili compensi percepiti. Non si esita a parlare di “magnadora”, “trombati”, tirando in ballo figlie, figli e mogli…

Da tale episodio emergono due messaggi molto forti.

Il primo è che evidentemente la gente è talmente esasperata dalla politica e da certe operazioni omertose che ormai alcuni non hanno più paura ad esporsi, anche con singole iniziative di protesta. Dove la Giunta non ha voluto dare una risposta trasparente che avrebbe potuto mettere a tacere ogni dubbio, si è attivata la gente comune, evidenziando ancora una volta come la politica non abbia colto un messaggio di disagio, alimentando invece con i propri silenzi altri sospetti.

Il secondo messaggio che arriva da tale vicenda è altamente negativo, perché trasmette inequivocabilmente il concetto, soprattutto ai più giovani, che se vuoi curare al meglio i tuoi affari e quelli di famiglia è il caso di entrare in politica, perché la politica te lo permette.

Sarebbe ora che politica si liberasse da queste ambiguità, tornando a agire in trasparenza per gli interessi della gente.

Cons. Claudio Cia

 

L’articolo sul quotidiano “Trentino” del 24 agosto 2016:
parentopoli-apt-val-di-sole
L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 24 agosto 2016:
Parentopoli in Apt, Cia attacca
L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 23 agosto 2016:
L'anonima volantini

Esito dell'iniziativa

 

Comunicato inviato ai media locali il 23 agosto 2016.

 

 

Il volantino apparso in Val di Sole:

 

volantino APT

 

 

 

 

L’interrogazione: APT Val di Sole, funzionale a piazzare i parenti dei soliti noti?

 

 

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Clamorosa protesta in Val di Sole: volantini anonimi sulla parentopoli nell’APT

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.